Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

26 May 2009



Forse è uno dei titoli più lunghi della storia delle mie ricette. Si fa prima a mangiarlo, questo piatto, che a pronunciarlo. Sabato mattina. La mia sveglia biologica, decisamente sballata, mi allerta che sono le 6 in punto. L'ora giusta per andare al mercato del pesce. E invece no. Mi rigiro dall'altra parte e continuo a dormire sognando ricci di mare, cozze, vongole e gamberi alla brace. Niente. Non ce l'ho fatta ad alzarmi, però la voglia di pesce non se ne è andata e così, sempre ancora di buon ora, mi sono avviata verso il mio fishmonger di fiducia, nella zona di Stoke Newington. Una fetta di tonno dal colore splendido era lì che mi aspettava. Non ho resistito. "Sarai mia!". Ho pensato. Il fatto è che una fetta va giù come niente, specialmente quando il tonno è fresco. Crudo o appena saltato da una parte e dall'altra, è come lo preferisco io. Al pepe, con i semini di sesamo o con la soia. In questo caso ho aggiunto una cremina di miso bianca che ci va a braccetto perfettamente, ed infine il tocco estremo con delle fettine di nespole tagliate fine fine. Conferiscono colore al piatto e si alternano alla dolcezza del tonno e della crema di miso. De gustibus...

Ingredienti
  • 1 fetta di tonno fresca
  • 2 cucchiai di pasta di miso bianca
  • 3 cucchiai di acqua
  • olio
  • sale, pepe
  • nespole a piacere
Salate e pepate la fetta di tonno da ambo i lati. In una padella antiaderente cuocete il tonno 30 secondi da una parte e 30 dall'altra. Regolatevi a seconda dello spessore. Preparate la crema sciogliendo 2 cucchiai di miso bianca in 2 cucchiai di acqua. Versate in una padella con un po' di olio e cuocete a fuoco medio per qualche istante finché non si sarà rappresa un pochino. Tagliate il tonno e servite con la crema di miso e le nespole affettate finemente. Infine irrorate con un filo d'olio.

Sognando: sognare un tonno fresco indica orgoglio e impulsività; sognare un tonno cotto indica gelosia e diffidenza; sognare un tonno sott'olio indica intuizione rapida; sognare di pescare un tonno indica nuovi legami sentimentali; sognare di mangiare tonno indica scatti di collera.

Parolando: Il termine nespola deriva dal latino mespilum (mes = mezzo e pila = palla) e significa letteralmente "mezza palla" per la sua caratteristica forma semisferica.

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf

English please
Seared Tuna with cream of white miso and nespole carpaccio



Ingredients
  • 1 tuna steak
  • 2 Tbsp white mise paste
  • 3 Tbsp water
  • olive oil
  • salt, pepper
  • nespole
Coat the tuna steak with a bit of salt and pepper. Heat a nonstick pan and cook the steak 30 seconds each side or more accordingly to the tickness of your steak and your taste. Prepare the cream by melting the miso in a bit of water. Give it a stir then cook it at medium heat in a pan with a bit of olive oil. Stir and let it ticken. Slice the tuna and serve it with the miso cream and the sliced nespole.

21 May 2009



Una cosetta leggera e senza impegno, da fare quando si hanno proprio due minuti di tempo per il pranzo. Va beh non è il mio caso. Non mi capita quasi mai che abbia solo due minuti di tempo per mangiare, anche perché tra preparare e fotografare e ingurgitare ce ne vogliono almeno 30, poi mettici pure il sonnellino dopo pranzo, insomma quell'oretta lì. Ma questo involtino, dico questo perché io proprio ne ho fatto solo uno, si prepara velocemente. Basta avere la padella giusta per cuocere una frittatina finissima. Il ripieno va a gusti, ricordatevi che l'avocado diventa quasi subito nero al contatto con l'aria, quindi spruzzate del succo di limone se decidete di servire qualche ora dopo.

Ingredienti per 1 involtino
  • 1 uovo
  • 1/2 avocado
  • 1 pomodoro non tanto maturo
  • formaggio morbido spalmabile
  • prezzemolo o coriandolo tritato
  • burro
  • succo di limone
  • sale, pepe
Sbattete l'uovo con un po' di prezzemolo tritato, sale, pepe. Imburrate una padella antiaderente e cuocete da entrambe i lati. Mettete a raffreddare per qualche istante su un piatto poi spalmate con il formaggio e riempite con qualche fettina di pomodoro e avocado tagliati finissimi (spruzzate l'avocado con un po' di succo di limone per evitare che annerisca). Arrotolate con un po' di forza per far si che l'involtino resti compatto, poi tagliate a piacere e servite.

Sognando: sognare un rotolo di carta indica allarme ingiustificato; sognare un rotolo di stoffa indica chiacchiere inutili.

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf

English please
Egg Wraps



Ingredients for 1 wrap
  • 1 egg
  • 1/2 avocado
  • 1 tomato
  • soft spreadable cheese
  • chopped parsley or coriander
  • butter
  • lemon juice
  • salt, pepper
Beat the egg in a plate, add the chopped herbs, salt and pepper. Lightly butter a pan and cook it both sides as thin as you can. Let it cool for a few minutes on a plate, then spred some cheese, add a very thin layer of tomato and avocado (drizzle the avocado with some lemon juice to prevent ossidation). Wrapt it up then cut as you wish and serve it.

17 May 2009



Il Fish Pie è un piatto tipico inglese che in 10 anni non mi sono mai sognata né di cucinare né di provare. Chissà perché a me tutta quella panna e quel non so che ci sta dentro, non mi hanno mai ispirato. Invece ieri, mentre ciondolavo nei dintorni per la spesa del sabato, mi sono imbattuta in un libro di ricette tipiche inglesi e, sarà stata la fame o la voglia di pesce, mi è venuta la curiosità di provarlo. C'è da dire che l'ingrediente principale di questo piatto è sicuramente il pesce, ma a seconda della zona gli ingredienti variano. C'è chi ci mette solo l'haddock, c'è chi lo mette bianco, c'è chi affumicato, c'è chi lo fa con panna, chi con le uova sode, chi ci mette gli spinaci, pomodori o i piselli, chi anche le cozze e le capesante, chi persino i funghi. La mia è una versione molto sobria, ho condito il pesce con limone e olio ed ho aggiunto solo delle carote tritate. Ho usato l'haddock affumicato che dà sicuramente un sapore più forte al piatto e devo dire che ne è valsa la pena. La fatica sta nel preparare il puree di patate, per il resto il piatto si fa veramente da sè. Consigliato anche ai più scettici, purché amanti del pesce, of course.

Ingredienti
  • 300gr di salmone
  • 300gr di haddock affumicato
  • una decina di gamberi sgusciati
  • 2 carote
  • 400gr di patate
  • 1 limone
  • 1 cucchiaio di formaggio parmigiano grattugiato
  • una noce di burro
  • 1 bustina di zafferano
  • latte
  • sale, pepe
Cuocete le patate in acqua non salata lavoratele fino ad ottenere un puree. Aggiungete un po' di latte, una noce di burro e a piacere una bustina di zafferano, sale e pepe. Mettete da parte. In una terrina riunite il pesce tagliato a pezzi, i gamberi sgusciati e condite con succo di limone, un filo d'olio, sale e pepe. Adagiate il pesce tagliato a pezzi sul fondo della teglia con il succo di limone stesso, poi formate uno strato di carote ed infine coprite con il puree di patate. Spolverizzate con formaggio grattugiato ed infornate a 220 C per 30 minuti o finché non si sarà dorato in superficie. Servite ben caldo.

Sognando: sognare gamberi vivi indica noie giudiziarie; sognare gamberi cotti indica tristi disinganni; sognare gamberi rossi indica crisi sentimentale; sognare di mangiare gamberi indica passione di breve durata.

Parolando: La parola pesce sembra derivi dalla composizione della radice indo-europea fi, bere – da qui l’inglese fish ed il tedesco fisk - con l’aggiunta di un suffisso frequentativo, nel caso inglese sh, quasi a definire il pesce come "animale che beve di continuo". Salmone deriverebbe dalla radice latina del verbo salire o saltare, sar, per l’abitudine di questo pesce a risalire i fiumi per deporre le uova.

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf

English please
Fish Pie



Ingredients
  • 300gr salmon
  • 300gr smoked haddock
  • about 10 peeled prawns
  • 2 carrots
  • 400gr potatoes
  • juice of 1 lemon
  • 1 Tbsp grated parmesan cheese
  • butter
  • 1 pinch of saffron powder
  • milk
  • salt, pepper
Cook the potatoes in unsalted water, then mash tem until you get a smooth puree. Add milk, a knob of butter, saffron, salt and pepper. In another bowl mix the fish cut into chunks and the peeled prawns with the lemon juice, salt and pepper and a drizzle of olive oil. Put the fish at the bottom of your oven proof dish along with the lemon juice, cover with the sliced carrots and finally with the potato mash. Sprinkle with grated parmesan cheese and bake at 220 C for about 30 minutes or until golden on top. Serve warm.

12 May 2009



Le giornate di sole invogliano a stare all'aria aperta. Mi sono persino dimenticata di avere appena comprato casa e che ho ancora delle cose da sistemare. Nel frattempo mi si è rotta la caldaia, ho imprecato in giapponese, ma per fortuna ho sistemato in fretta e furia. Il divano è arrivato ed ora finalmente posso adagiare il mio di dietro su un supporto diverso dalla solita sedia o dal solito letto. Non che mi dispiaccia la seconda opzione, ma insomma, cominciava a diventare un po' monotono vivere in un appartamento e respirare in una sola stanza. Da quando ho traslocato dal mini studio flat, sono diventata ancora più minimalista. L'idea di comprare nuovi piattini o tazzine non mi esalta più di tanto, per questo spesso faccio fatica a preparare dessert che richiedono contenitori particolari. Questi nella foto sono courtesy del tiramisù di qualche giorno precedente, acquistato comodamente al negozio turco sotto casa. Riciclaggio pulito, nell'attesa di rimpatriare, semmai, quei bei bicchierini che giacciono nello scantinato pugliese. Ad ogni modo, un tiramisù fatto ad occhio e con lo yogurt invece che con il mascarpone, che pure mi fa impazzire, ma c'era un vasetto di yogurt naturale in frigo che implorava pietà e allora l'ho accontentato.
Nel frattempo mi sono dedicata un altro weekend a zonzo per la costa inglese. Sono tornata nuovamente a sud ed ho visitato un posto lontano una trentina di kilometri da Hastings, di nome Eastbourne. Affascinante cittadina, che ospita Beachy Head, la scogliera bianca più alta d'Inghilterra (162mt sul livello del mare), famosa anche per il nefasto record del più alto numero di suicidi (20 all'anno), vista l'altezza, appunto. Diciamo che non essendoci nessuna protezione, anche non volendo, uno ci casca facilmente. Pericoloso anche per quelli che come me si avventurano per il brivido dell'altura o per scattare una foto da un punto di vista diverso. Ad ogni modo lo spettacolo è assicurato, soprattutto in una giornata di sole e con la vista del faro rosso e bianco in mezzo al mare. Davvero uno dei miei posti preferiti fino ad ora. Sul lungomare si può ammirare la vista dal Pier e l'area dedicata ai concerti all'aperto, l'Eastbourne Bandstand. Armatevi di scarpe comode e preparatevi a salite ripide per una vista mozzafiato!













































Ingredienti
  • pistacchi
  • yogurt naturale
  • zucchero a velo
  • rum bianco
  • latte intero
  • savoiardi
Tritate i pistacchi finemente ed unite la stessa quantità di zucchero a velo. Ad esempio ottenendo un cucchiaio di pasta, aggiungete altrettanta quantità di zucchero. Incorporate lo yogurt naturale e mettete da parte. Mescolate il latte con un po' di rum, inzuppate i savoiardi e disponeteli sul fondo dei bicchieri. Coprite con la crema ed alternate con un altro strato di savoiardi e crema. Decorate con pistacchi tritati a piacere. Mettete in frigo per un oretta prima di servire.

Sognando: sognare di tirare sassi indica illusioni e stravaganze; sognare di tirare una tenda indica scarsa disciplina; sognare di tirare al bersaglio indica pene d'amore segrete; sognare di tirare alla fune indica aspettativa delusa.

Parolando: Il pistacchio, dal greco pistakion, significa "abbondante di farina", vale a dire ricco di sostanza. In persiano antico la parola pesteh è un termine onomatopeico e richiama il suono prodotto dal guscio che maturando si apre all'improvviso emettendo un pis-tak. In latino, prendendo spunto da un'altra parola persiana bistax-re (noce del re) fu letteralmente tradotto con regia nux.

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf

English please
Pistachio Tiramisu

Ingredients
  • pistachios
  • natural yogurt
  • icing sugar
  • white rum
  • milk
  • lady fingers or savoiardi
Blend pistachios finely, add the icing sugar in equal part. In example, if you have obtained 1 Tbsp of pistachio paste, add the same amount of icing sugar. Fold in the yogurt and set aside. Combine milk with white rum and lightly soak the savoiardi. Line them at the bottom of your serving cup or glass, cover with a bit of cream and another layer of savoiardi. Finish off with a layer of cream and sprinkle with some chopped pistachios. Refrigerate for an hour before serving.

5 May 2009



Il May Day inglese cade il primo weekend di Maggio e sempre di lunedì, come è prassi che accada per le bank holiday da queste parti. Non ha niente a che fare con il nostro Primo Maggio e celebra, almeno intenzionalmente, l'inizio della stagione calda. Tutt'altro che caldo invece il weekend, contro ogni previsione che sparava 19 gradi come niente. Qui al polo nord il sole serve solo per fare luce, ma in quanto a riscaldamento si può fare affidamento solo sui termosifoni (quando non ti si rompe la caldaia).









Trovare una macchina in affitto per andare fuori dalla city è stata un impresa, infatti non l'ho trovata, anche perché essendo io una last minute traveller, ho iniziato a cercarne una troppo tardi, talmente tardi che tutta Londra le aveva già prenotate tutte prima di me. Viaggiare in treno qui è improponibile. Bisogna innanzitutto sottostare ad orari ben precisi e poi un viaggio di poche centinaia di chilometri ti costa di più di un biglietto aereo. Meglio quindi rimanere in città ed esplorare posti ancora sconosciuti.





Tra i tanti parchi ancora inesplorati, uno a caso sulla mappa, il Battersea Park, situato a sud ovest di Londra. Raggiungibile comodamente con la metro, quando la Victoria line non è chiusa per lavori in corso. Il mio giro quindi è iniziato dalla stazione di Clapham North, camminando camminando verso il parco, attraversando stradine sconosciute, perdendomi un paio di volte ed impiegando il doppio del tempo per raggiungere finalmente la mia destinazione, circa un ora dopo e quando le nuvole avevano formato una massa corposa e grigia ed il sole era giusto un ricordo. Nonostante tutto ho visto gente in mutande prendere il sole (quale sole??), bambini rotolarsi sull'erba ed il gelataio in maniche corte come se fosse ferragosto. Mi sono talmente immedesimata nell'atmosfera estiva che per camuffarmi da inglese ho comprato un gelato anch'io. Battendo i denti, sorridendo e scattando di qua e di là.









Posso dire che il parco non è uno dei miei preferiti tra quelli visitati fino ad ora. Sarà stato il tempo or whatever, ma non mi ha impressionato più di tanto. Mi è piaciuta invece la Peace Pagoda, della quale ignoravo totalmente l'esistenza. Fatta costruire da Nipponzan Myōhōji, un monaco buddista che ispirato da un incontro con il Mahatma Gandhi, decise di dedicare la sua vita alla divulgazione della pace e della non violenza. Le prime pagode furono costruite in Giappone nelle città di Hiroshima e Nagasaki e successivamente altre 80 furono costruite in Europa, Asia e Stati Uniti d'America erette come simbolo di pace per tutte le persone indipendentemente dal credo e dalla razza. Guarda caso stavano filmando non so cosa e una giapponesa vestita da giapponesa passava proprio di là e per un attimo mi sono sentita come se fossi sbarcata in Giappone.















Cammina che ti cammina, ho attraversato il Chelsea Bridge, dirigendomi verso nord est e costeggiando il Tamigi mi sono imbattuta nella Battersea Power Station, costruita nel 1930 ed in disuso dal 1983 e che ho scoperto essere stata anche il simbolo di una copertina dei Pink Floyd, "Animals". I palazzi che vedo dall'altra parte del fiume sono colorati e di forme strane, agglomerati di case dal gusto discutibilissimo ma che hanno comunque un impatto visivo, specialmente quando il cielo inizia a diradarsi e le nuvole la fanno da sfondo.









Giunta a Westminster ho incontrato la solita folla di turisti e ho avuto la stessa sensazione di quando ho visto quel posto per la prima volta circa 10 anni fa: mi sembrava di stare in una cartolina allora come ora. Buon mese di maggio a tutti.

Ingredienti
  • 1 cipolla piccola
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere
  • 1 cucchiaino di coriandolo in polvere
  • 1/2 cucchiaino di cumino in polvere
  • 1/2 cucchiaino di cardamomo in polvere
  • 1 cucchiaino di peperoncino secco o fresco
  • 1 pezzo di zenzero fresco
  • 400ml di latte di cocco
  • 400gr di patate dolci
  • coriandolo fresco
  • olio
  • sale
Pelate le patate e cuocetele in acqua bollente oppure al forno. Mettetele da parte. Soffriggete la cipolla in una padella capiente, insieme all'aglio tritato. Aggiungete tutte le spezie ed infine il latte di cocco. Aggiustate di sale e cuocete per una decina di minuti. Versate le patate, mescolate per qualche istante e servite la zuppa con coriandolo fresco.

Sognando: sognare latte fresco indica benessere e salute: sognare latte condensato indica sofferenze d'amore; sognare di bere latte indica grandi soddisfazioni.

Parolando: Il termine maggio latino majus si riferisce alla dea Maia, madre di Mercurio che simboleggiava la madre terra. Nel mese di maggio, infatti, erano a lei offerti sacrifici e doni per ottenere buoni raccolti. Altro possibile significato ci è dato dalla voce latina major maggiore, che lascia supporre che il mese di maggio fosse dedicato alla celebrazione delle divinità maggiori, majores, analogamente a giugno, latino junius, da cui juniores e quindi dedicato alle divinità minori.

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf

English please
Spicy sweet potato and coconut soup



Ingredients
  • 1 small onion
  • 1 garlic clove
  • 1 tsp turmeric
  • 1 tsp coriander
  • 1/2 tsp cumin
  • 1/2 tsp cardamom
  • 1 tsp dry or fresh chilly pepper
  • 1 piece of fresh ginger
  • 400ml coconut milk
  • 400gr sweet potato
  • olive oil
  • fresh coriander leaves
  • salt
Peel the potatoes, chop them and cook them in boiling water or in the oven. Put them aside. Gently fry the onion with the chopped garlic, add all the spices and finally the coconut milk. Adjust with salt and cook for about 10 minutes. Add the potatoes, mix with the sauce and serve the soup with fresh coriander.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...