Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

8 March 2010



Pensavate che fossi stata rapita nel deserto o scambiata per un centinaio di cammelli? No, purtroppo sono tornata. Purtroppo si, perché passare da 26 gradi di Marrakech ad una manciata di gradi di Londra, è un trauma non indifferente. Traumatico è stato il ritorno, come non mai. Di posti ne ho visti, visitati, e di vacanze ne ho fatte, ma questa è stata un'immersione senza fiato in un mondo totalmente diverso, mai esplorato prima e neanche immaginabile nonostante le foto o i video o di come ce lo raccontano i film.
Trascorsa la notte in bianco in aeroporto, grazie a Santa Ryanair che fa partire i suoi fantastici voli low cost, non tanto low cost ormai, alle 6 del mattino. Una famiglia di rumeni mi ha tenuto compagnia per tutta la notte, le signore non riuscivano a smettere di parlare, sembravano mitragliette impazzite, bevevano caffè nero bollente e si tenevano svegli fino al collasso totale proprio quando io avevo deciso che ormai di dormire non se ne parlava più.
L'aeroporto di Luton è minuscolo, i passeggeri in attesa del proprio volo stazionano in una saletta aperta tutti assieme. C'è chi cammina avanti e indietro, chi russa beatamente, chi dorme a terra e chi continua a guardare giornali a scrocco nell'edicola all'angolo della piazzetta.
Il volo è in orario. E vorrei vedere se alle 6 si permettono anche di ritardare. Superato brillantemente il check in e l'ansia di trasportare più del peso consentito, si sale a bordo e finalmente crollo in un sonno altalenante, interrotto più volte dalla voce assordante della hostess che cerca di vendermi patatine, caffè, gratta e vinci e popcorn. La ignoro infilandomi due auricolari nelle orecchie, ascoltando Tchaikovsky nella speranza che almeno lui mi addormenti per le prossime 3 ore e 20 di volo.
Eh si, il Marocco sta proprio giù giù, guardo la mappa sulla rivista di fronte a me, mi ricordo di quando ho volato più o meno alla stessa altezza per andare a Lanzarote, anni fa.
Il capitano dice che a Marrakech è nuvoloso e che pioviggina. Impreco in arabo ma poi mi dico "Seeee, figurati se in Marocco piove".
Come spesso accade, negli ultimi attimi di volo, socializzo con i miei vicini. Con gli inglesi si fa fatica a socializzare anche se stai in una camera di un metro quadrato per ore ed ore. Se non gli parli tu, loro ti ignorano allegramente. E' una coppia che sta andando in Marocco per una mini vacanza di golf. In realtà il marito golfeggia, la moglie prenderà il sole o raccatterà le palle.
Tiriamo tutti un bel sospiro di sollievo toccando terra. Nessun aereo dirottato, nessuna bomba, nessun pazzo a bordo, tutto regolare.
L'asfalto è umido e qualche nuvola in effetti c'è, ma il sole sta proprio dietro l'angolo e spunta. Alè, certo non ci sono 40 gradi ma l'aria si sente, è diversa.
Il primo impatto è stato immediato. Si percepisce esattamente di essere atterrati in un posto nuovo, diverso. Il controllo passaporti dura una vita, poi per fortuna nessuna valigia da ritirare e subito mi attende all'uscita, un poliziotto con un mitra e un mucchio di uomini vestiti di scuro tutti ad attendere qualcuno, molti di loro con dei cartelli in mano.
Dall'alto si nota subito, sembra una piazza di un piccolo centro, abitato solo da uomini. Le poche donne che circolano sono accompagnate da altri uomini o coperte. Gli uomini si baciano sulla guancia per salutarsi, le donne in alcuni casi stringono la mano ma niente più.
L'aereoporto Menara mi sembra bellissimo. I vetri sembrano ricamati a mano come i tatuaggi all'henna che le ragazze fanno in piazza, sulle mani dei turisti. Oltre alle sedioline di plastica su un lato, ci sono anche dei divanetti coloratissimi e una musica arabeggiante proveniente da un angolo dello stesso aeroporto che di per sé già sembra un mercatino.
Vengo trasportata in macchina dall'aereoporto al Riad Karim. Una tipica casa marocchina con sole 4 camere da letto, nel cuore della Medina, il centro storico di Marrakech. L'enorme macchina che mi trasporta, attraversa stradine piccolissime, piene di persone, di motorini, di frutta e verdura e di carne appesa.
I negozi a Marrakech sono "da fuori per fuori", ovvero non ci si entra come nei nostri tipici negozio di alimentari o macellerie, ma la merce è esposta e il compratore sta al di fuori.
Nonostante la notte trascorsa in bianco, arrivo al Riad, e, giusto il tempo di guardarmi in torno e una doccia, mi tuffo subito nelle vie colorate e l'avventura ha inizio.
Di nuovo, l'impressione è quella di essere circondata da tanti uomini, ogni tanto qualche donna con la busta in mano si intravede, coperte alcune, meno coperte le altre ma pur sempre con un vestire rigorosamente casto. Nonostante il mio aspetto tipicamente terronico, vengo notata come una turista e a turno i commercianti ad ogni angolo di strada, cercano di vendermi qualsisi cosa: dai tappeti all'olio per i massaggi, dalle spezie alle ciabatte.
Aihmè incappo subito in un "vicino di casa" il quale con un inglese quasi perfetto cerca di rifilarmi spezie che probabilmente stazionano nel suo negozio dai tempi del dopoguerra. Un po' stizzita io gli dico che ora me ne vorrei andare un po' a zonzo, che sono appena arrivata e non mi va di fare già shopping. Lui mi fa promettere, con tanto di stretta di mano, che tornerò a comprare le sue fantastiche spezie e che il prezzo sarà sicuramente vantaggioso, non come quelle che vendono laggiù. Ho fatto una cosa che non avrei mai dovuto fare. Promettere. Una promessa è una promessa ovunque, ma a Marrakech lo è in maniera particolare.
I commercianti si ricordano di te, se gli dici "torno dopo", loro ti fermano ogni volta che passi, e ti chiedono se il "dopo" è finalmente arrivato e tu continui a dire, "torno dopo" e loro imprecano qualcosa in arabo e anche a questo giro te li sei levati dai piedi.
Mi ero messa in testa ad un certo punto di fare l'affare del secolo e comprare un tappeto. Ma non un tappetino piccolo, una roba enooooorme. Sicchè sono entrata in uno dei tanti negozi di tappeti, del resto anche un po' guidata dai commercianti stessi, e sono entrata nel paradiso del tappeto per eccellenza. Tappeti ovunque. Gialli, rossi, gialli e rossi, verde, scurino, scuretto, carino, bello, enorme, caro. Quello che piaceva a me costava tipo duemilaecinquecento euri. Gli ho detto che era fuori dal mio budget, ma proprio di brutto. Sicchè è iniziata una trattativa divertente ma anche senza nessun tipo di esito positivo, ed ho imparato che per togliersi dai piedi un commerciante insistente, è necessario fargli un offerta che non scorderà mai più in vita sua. Gli ho detto che potevo dargli massimo centicinquantaeuri. Lui si è veramente risentito di questa offerta indecente, ha chiuso tutti i tappeti che fino ad allora mi aveva mostrato, in un battibaleno ha riposto tutto in ordine e a mala pena mi ha salutata verso l'uscita. Insomma l'ha presa proprio male eh! Però ho capito che l'unico sistema per sfuggire all'assalto di chi voleva vendermi qualcosa era quello di 1. non fare promesse 2. dire che avevo già comprato 3. fare un offerta bassissima 4. dire no in maniera definitiva, senza "torno dopo" e senza "si forse". Adottare insomma la stessa fermezza che adottano loro nello stressarti al contrario.
Dopo un giorno e mezzo di cammino tra mercatini, bancarelle, scimmie e serpenti, ho provato l'esperienza unica ed indimenticabile dell'hammam. Anche in questo caso, ci sono tanti ragazzi che volantinano svariati hammam nella piazza centrale di Djemma el Fna. Ne ho trovato uno sperduto in una viuzza della piazza, indicatomi il giorno precedente da un volantino con una offerta speciale. Qualche scalino per arrivare in cima alla reception dove mi ha accolto una ragazza dal capo scoperto. Ci siamo accordate sul prezzo e sul trattamento, mi ha fatto visitare il piccolo centro, ho pagato e finalmente mi ha fatto salire qualche altro scalino per accedere in un'altra stanza. Una piccola tende divideva lo spogliatoio dal piccolo salottino d'attesa. L'accappatoio, un paio di ciabatte ed un perizoma di carta riciclata sono forniti direttamente dal centro. Una ragazza mi accompagna in una stanzetta piena di vapore, gli occhiali mi si appannano. Chissà dove pensavo di andare che me li sono portati appresso! Vedo una figura vaga di donna, mi toglie gli occhiali e mi guida verso un tavolino di pietra coperto da un tappetino di spugna. Cerchiamo di capire che lingua parlare, ma lei non parla inglese e il mio francese è simile al mio arabo, quindi comunichiamo brevemente a gesti quando mi dice come mettermi e come girarmi. Il resto è fatto in silenzio. Distesa vedo due finestre quadrate sul soffitto bassissimo, è l'unica luce che illumina la stanza annebbiata. Mi lava con acqua tiepida e con il savon noir, un sapone dall'odore particolarissimo, fatto di olio e di olive nere. Dopo il primo lavaggio la signorina mi fa uno scrubbing di quelli mai visti in vita mia. Mi striglia come se fossi un cavallo, dalla testa ai piedi, e siccome non posso neanche parlare lascio che faccia tutto quello che deve fare, anche se vorrei poterle farle notare che sto dimagrendo di qualche etto con tutto quello scrubbing. Lei continua imperterrita. Mi risciacqua. Io sono stordita non capisco più niente. Mi fa una maschera al viso all'argilla, profumata di rose. Poi mi riscqua un'altra volta. Mi mette seduta e ricomincia a lavarmi con una spugna e con un altro sapone, questa volta mi lava dalla testa ai piedi e persino i capelli. Oddio i capelli noooooooo!!! Niente, non ho neanche il tempo di pensare, ormai sono sotto il suo controllo. Come una centrifuga, mi risciacqua per l'ennesima volta e poi mi butta fuori dalla stanza annebbiata. Infreddolita, nonostante l'enorme accappatoio addosso, resto seduta nel salottino d'attesa nella speranza che qualcuno venga a recuperarmi presto. Nel frattempo la signorina di prima mi porta un tè alla menta. L'ennesimo. Poi mi fa sciacquare la faccia con acqua di rosa, come se non bastasse.
Pochi istanti dopo mi fa cenno di scendere e mi accomodo in una stanzetta con le pareti nere e dei lettini con asciugamani rossi, una musica arabeggiante in sottofondo ed un profumo di olio di argan. L'argan pare essere un albero molto diffuso in Marocco, del quale non avevo mai sentito nominare. Da questo albero crescono bacche di colore verde dalle quale viene prodotto un olio utilizzato sia in cucina che in cosmesi.
La signorina mi massaggia per mezz'ora, dalla testa ai piedi. Vorrei che non finisse mai e invece proprio sul più bello mi dice che è ora di rivestirmi e di togliere le tende. L'esperienza però è davvero esaltante, rigenerante e anche un po' primitiva. E' come tornare bambini, quando la mamma ti faceva il bagno la domenica.
Ho mangiato un cous cous finissimo accompagnato da verdure saporitissime. Faccio fatica a guardare il cous cous confezionato che trovo qui adesso, mi sembra tutta un'altra storia. Infatti è proprio un'altra storia, così come lo è la vita in questo posto magico e colorato, fatto di gente che dalla mattina alla sera non fa altro che cercare il modo per guadagnare due soldi per poter mangiare, sempre con il sorriso ed un occhio di riguardo particolare per l'accoglienza degli stranieri. Si è vero, sono molto insistenti a volte, ma basta imparare a saper dire di no con garbo e tutto il resto è una passeggiata tra colori sgargianti, cieli azzurri (quando non piove), profumi di spezie, puzza di smog, le montagne innevate dell'Atlas, scimmie, serpenti e un sacco di tè alla menta.
Ho impiegato parecchi giorni prima di riprendermi da questo viaggio e la valigia è rimasta intatta nel salotto di casa per qualche giorno prima di disfarla. La sensazione è quella di volerci ritornare, presto, di visitare paesi limitrofi, il deserto e sentire nuovamente il sole caldo addosso, ed il calore umano che forse da queste parti manca un po'.
Speriamo che i marocchini mi perdonino per questa versione delle babouches sperimentale, dovrò sicuramente approfondire. Nell'attesa, se vi va di guardare qualche foto di Marrakech cliccate qui o sulla foto in basso, sottolineando che mai come in questo caso, le foto non rendono le stesse emozioni vissute e provate nei giorni trascorsi. Benritrovati.



Ingredienti
  • 250gr di farina
  • 80gr di burro fuso
  • 1 pizzico di sale
  • 1 po' di acqua di rose
Ingredienti per il ripieno
  • 200gr di arachidi
  • 65gr di zucchero a velo
  • un po' di acqua di rose
Preparate la pasta mescolando tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto compatto. Riponete in frigo per mezz'ora. Tritate finemente le arachidi con lo zucchero a velo e aggiungete acqua di rose quanto basta per compattare il tutto. Riprendete la pasta e stendetela ad uno spessore di circa 4mm formato un rettangolo. Riponete un po' di ripieno nel centro, arrotolate a forma di serpente chiudendo bene i bordi. Tagliate in senso obliquo e con le dita chiudete un lato del pezzettino tagliato per formare la scarpetta. Ripetete l'operazione con le altre scarpette, infornatele a 180 C per circa 12 minuti. Glassate con miele a piacere.

Sognando: sognare confusione di oggetti indica affare che va in porto: sognare confusione di idee indica aiuti da parte di parenti; sognare confusione di gente indica timidezza e diffidenza; sognare confusione di veicoli indica incostanza in amore.

Parolando: Marrakech (in arabo مراكش, traslitterato Marrākiš) significa "reame d’occidente" ad indicare la sua posizione geografica rispetto ai luoghi di origine delle culture arabe. Dunque, lo stato del Marocco, prende il nome da Marrakech e non viceversa.


Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf

English please
Peanut Slippers



Ingredients
  • 250gr flour
  • 80gr melted butter
  • 1 pinch salt
  • rose water
Ingredients for the filling
  • 200gr peanuts
  • 65gr icing sugar
  • rose water
Prepare the dough by mixing all ingredients until you get a smooth ball. Put in the fridge for 30 minutes. Finely mix the peanuts with icing sugar and rose water until everything comes together. Take a piece of the dough, flatten it into a rectangular shape, put a bit of the filling in the middle and roll it to close the borders. Cut a piece obliquely and work it with your fingers to close 1 of the borders so a small shoe is created. Repeat with the rest of the dough and filling, then bake the little shoes at 180 C for 12 minutes. Glaze with honey if you like.
Categories: , , ,

53 comments:

  1. che invidia...io vorrei tanto andare in marocco..mi affascina un sacco..anche se ammetto che mi fa anche un po' di paura:D! e questi bonbon ?boni direi:D

    ReplyDelete
  2. Che bei ricordi che mi hai fatto tornare in mente: a me il Marocco è piaciuto tanto, ma ho visitato il Sud, il deserto, le kasbah, molto poco le città... Mi riprometto di tornarci, per immergermi a fondo nell'atmosfera da te descritta e concedermi anch'io un hammam come si deve!!!

    ReplyDelete
  3. Che bello il racconto del tuo hammam. Io sono stata in un hammam non per turisti dove un donnone enorme in mutande mi ha fatto coricare per terra e, senza dire una parola, dove mi ha massaggiato a lungo!

    ciao

    ReplyDelete
  4. Che bel post, bel racconto!
    Io sono vergognosa penso che non mi sentirei a mio agio in un perizoma di carta in giro comunque mi affascina tutto il loro mondo.
    Ciao Aniko

    ReplyDelete
  5. Standing ovation per le fotografie! :)

    ReplyDelete
  6. che belle le foto... degno corredo del racconto. O viceversa, in entrambi i casi i tuoi occhi raccontano molto bene. Enhorabuena!

    ReplyDelete
  7. che bello il tuo racconto...e che foto meravigliose! viene voglia subito di partire!
    di sicuro dopo la nascita del pupo un pensierino ce lo faccio

    ReplyDelete
  8. scusa la domanda scema , ma questi bocconcini sono dei dolci? Si mangiano quindi a fine pasto o anche con un tè alla menta? Voglio fare anch'io l'hammam!!

    FrancescaV.com

    ReplyDelete
  9. che piacere leggerti! peccato questo mezzo che uso regolarmente che odio tanto! mi gusterei proprio un tuo libro di fotografie intervallate dai tuoi scorci di vita!
    Shade

    ReplyDelete
  10. Mi piace molto il tuo modo di raccontare i luoghi che visiti, lo trovo divertente :-)
    I particolari che racchiudi nelle foto poi, mi lasciano sempre incantata!!
    Complimenti!!!
    ciao antonella
    pappa-reale.net

    ReplyDelete
  11. Con il Marocco ho un conto in sospeso..ci andai da piccola coi parents ma non fu il massimo.Da anni desidero visitare Marrakesh e, dopo questo incantevole racconto, devo prenotare!Pensare che ho buttato soldi epr una pessima vacanza in Giamaica...

    ReplyDelete
  12. ma ben tornata a te Francesca... ai tuoi racconti.. alle tue foto.. alle tue ricette, in questo esatto ordine, senza per questo sminuire la ricetta :))

    ReplyDelete
  13. Che foto splendide. Hai un occhio per i piccoli dettagli che rendono bene l'atmosfera del luogo.
    Vorrei essere andato a marrakesh DOPO aver visto le tue foto, per vedere se riuscivo a fare foto come le tue.
    Le mie invece, fatte appena un paio di anni fa sembrano le solite foto di vacanza... eppure ho riconosciuto molti posti.
    Ancora brava e grazie per aver risvegliato i ricordi di una città così diversa, irritante (i venditori sono una persecuzione) ed affascinante.
    Una piccola nota: I locali si arrabbiavano invariabilmente se cercavi di fotografarli...

    ReplyDelete
  14. Ciao!
    Partecipa anche tu al Contest di Marzo de LA CUCINA ITALIANA dedicato al TIRAMISU'!

    Per info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/04/10.
    Buon lavoro!

    ReplyDelete
  15. oh mamma che bellezza di blog!!!!! che gran scoperta!!! complimenti davvero!! aggiunta al mio blogroll ovviamente!!! tornerò presto a farti visita!!!!

    ReplyDelete
  16. Ma bentornata cara!!
    Da quanto nn passavo e ogni volta ritrovo la stessa atmosfera "di casa"... entrare nel tuo blog è come entrare a casa di un'amica! Non deludi mai!
    Un bacione!!

    ReplyDelete
  17. Un viaggio che non si dimentica: sia per l'atmosfera tutta fraterna e magica di queste terre..ammettiamolo, anche epr il clima!! non sai che invidia!
    la prossima volta avverti..che ci uniamo più che volentieri!!
    Ottimi e particolarissimi questi dolcetti!
    un bacione

    ReplyDelete
  18. Ciao Fiore, ti posso solo dire che finito di leggere il tuo racconto (e di guardare le tue meravigliose foto) sono andata sul sito della Easyjet per vedere quanto costa l'aereo per Marrakech :)
    Grazie per aver condiviso tutto questo!!
    Elisa

    ReplyDelete
  19. Fiore, adoro il tuo blog e le tue foto! È da tanto che lo leggo regolarmente, ma oggi avevo proprio voglia di lasciarti un commento.
    Mi piacciono tantissimo i tuoi reportage, ti auguro di cuore di poter viaggiare tutte le volte che vuoi per raccontare le tue impressioni e mostrarci il mondo attraverso i tuoi occhi.

    Laura

    ReplyDelete
  20. Pensando alla vacanza di quest'anno si parlava di Marocco e devo dire che con il tuo racconti mi sono convinta sempre di più!

    ReplyDelete
  21. Sei troppo originale! ;D Splendide queste babouches. Mi ricordano appunto le babbucce che mia nonna da piccola mi regalava ;D.
    Beh! Ryanair, se non ci fosse, non avremmo mica i fantastici voli low coast! Ma sei sempre in giro tu?
    Un saluto ;D

    ReplyDelete
  22. che magnifico resoconto... fai venir voglia di buttare tre cose in valigia e partire!
    grazie :)

    ReplyDelete
  23. dolcetti sfiziosi
    ma che bello il marocco che deve essere e un po0 di tempo che non mi concedo una bella lunga vacanza...

    ReplyDelete
  24. Che paese!! Che emozioni!!! Asaggiare quelle teste di caprone nei baracchini affollati di marrakech. esplorare le sperdute kasbah del sud, rinrescarsi sulla magnifica catena dell'atlante e contemplare i nostri limiti disteso nel deserto...mi sono innamorato di quel paese e spero di torarci il prima possibile!!!
    Bel racconto, Grazie!
    E complimenti per la bellissima ricetta e la stupendissimissimissima foto....anch'io voglio farle così..non è giusto!!! ;-) Uffa!!

    ReplyDelete
  25. I see that you’re interested and fascinated in food stuffs. This is awesome Peanut Slippers. You see, we have this food site Foodista.com (http://www.foodista.com) that is a food and cooking encyclopedia that everyone and anyone can edit. Maybe you are interested in sharing some of recipes to us or share your knowledge about food stuffs and techniques, or maybe you just like to write reviews about food, restaurant and recipes...why don't you visit us sometimes, if its food you're interested in, then we are interested in you. Don't hesitate to check us out.

    I hope to see you there.

    Cheers!

    ReplyDelete
  26. http://www.gnamgnam.it/index.php/2010/05/31/cheesecake-al-cocco.htm

    ReplyDelete
  27. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    ReplyDelete
  28. Io passo sempre...sia mai che decidi di tornare :* elena

    ReplyDelete
  29. Assente da un po', vedo... Spero vada tutto bene.
    Molto bello il tuo resoconto marocchino, spero di avere la possibilità prima o poi di visitare Marrakech.

    ReplyDelete
  30. Ehi fior di zucca non puo' scomparireeeeeeeeeee.....tornaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!

    ReplyDelete
  31. Cara Fiordizucca,
    sono pugliese come te e espatriata come te. E quindi mi ritrovo alla fine di ogni estate a cercare ingegnosissimi modi per portare con me, i sapori e i colori della mia terra e conservarli il più a lungo possibile.
    Oggi gironzolando sul tuo blog alla ricerca di una ricetta in cui utilizzare zenzero e peperoni, sono incappata nella tua "crema di peperoni, zenzero e finocchietto selvatico" del 2006. Lí spiegavi che avevi seccato il finocchietto. Volevo chiederti come hai fatto. Hai usato qualche accorgimento particolare? Semplicemente, raccolto in campagna, lavato, asciugato, sbriciolato e conservato in barattolo id vetro?
    Scusa per il lunghiiiissimo OT. E complimenti per il tuo blog!

    ReplyDelete
  32. ci manchi!!!! tutto ok???

    ReplyDelete
  33. spero tu stia bene...
    manchi da un po'.

    ReplyDelete
  34. Your public misses you, hope that you will return, until then....enjoy your adventures

    ReplyDelete
  35. Davvero belle ricette e bel blog, se vuoi fare un giro nella mia cucina, http://biscottirosaetralala.blogspot.com

    ReplyDelete
  36. Una felice scoperta il tuo blog, adesso me lo metto tra i google reader, così d'ora in poi resto sintonizzata.
    Che invidia per Marrakesh..

    Dato che ci sono, ne approfitto anche per invitarti al mio contest dedicato alla vaniglia, qualora ti andasse di partecipare mi farebbe molto piacere.

    a presto

    Alessia

    ReplyDelete
  37. ciao, hai un blog davvero bellissimo, complimenti.
    ci farebbe piacere se partecipassi al nostro contest: http://www.sorelleinpentola.com/2010/07/larte-in-cucina-contest.html

    a presto

    ReplyDelete
  38. Te han quedado geniales esas babuchas marroquinas.
    Felicidades!.

    ReplyDelete
  39. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    ReplyDelete
  40. Ciao questo blog è una meraviglia ed una grande fonte di ispirazione :) è un piacere conoscerti!
    Perche non vieni a trovarci anche tu..abbiamo fatto dei buonissimi cheescake :)
    http://whitedarkmilkchocolate.blogspot.com/2010/10/mini-cheesecakes-cremosi.html#comments

    ReplyDelete
  41. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    ReplyDelete
  42. ciao, volevo farti i complimenti perche il tuo blog è decisamente tra i miei preferiti =) , ho messo il tuo link nel mio blog spero farai lo stesso, un bacione e felice 2011!!!! a presto, Mozza

    www.mozzaincarrozza.com

    ReplyDelete
  43. Ciao Come va?? Ti andrebbe ti partecipare ad un mio contest?? Vieni a vedere :-)
    http://www.myart-robertomurgia.blogspot.com/2011/05/cook-with-my-art.html

    ReplyDelete
  44. D-E-L-I-C-I-O-U-S

    Devo provarli assolutamente!

    ReplyDelete
  45. charmstannlegeThank You a ton for writing such a wonderful piece of information. Keep sharing such ideas in the future as well. This was actually what I was looking for, and I am glad to came here! Thanks for sharing the such information with us.

    ReplyDelete
  46. Che bello il racconto del tuo hammam. Io sono stata in un hammam non per turisti dove un donnone enorme inDrug Rehab Pennsylvaniabenzo fury mutande mi ha fatto coricare per terra e, senza dire una parola, dove mi ha massaggiato a lungo!

    ReplyDelete
  47. Traders remember you, if you say "I go back later," they'll stop every time he steps, and you wonder if the "after" is finally here and you keep saying, "I come back later" and they swear something in Arabic and on this tour you will also risen by six feet. Sportsdepot.com

    ReplyDelete
  48. I need all recipes in English because there are many ingredients that i not know in this language. i am a wedding planner Perth WA and want to add some of these precise in my check list...

    ReplyDelete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...