Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

9 July 2007



E' (ri) nata Alice!! Si, proprio così, dopo due settimane di travaglio finalmente Alice è ri-nata (o resuscitata?), non è una grande notizia lo so, ma per me si! Intanto mi posso permettere il lusso di intrattenermi durante le calde serate abruzzesi, senza contare la possibilità di cercare informazioni su questo o su quell'altro posto da visitare ed il lavoro ovviamente in primis!



Senza internet ormai non riesco a fare niente, nemmeno a cercare la pizzeria sotto casa. Una cosa però mi riesce benissimo di fare quando non c'è lei: viaggiare!



Ed è così che sabato mattina, ho lasciato la mia piccola Alice a casa e sono partita con Luisa e Caroline, rispettivamente il mio navigatore e la mia macchina.



Tutte e tre appassionatamente ci siamo avviate verso nord. Destinazione Urbino, Marche, 320km da Vasto, circa 3 ore e passa di macchina. Guarda caso più o meno lo stesso tempo che impiega una persona di Treviso a raggiungere la stessa località, traffico più, traffico meno.



Ad Urbino infatti ho avuto il piacere di incontrare il mitico Frank (artefice di tutti gli haiku presenti in questo blog, tranne dove espressamente specificato), assiduo frequentatore di food blog, grande appassionato del Giappone, conoscitore di piccoli segreti culinari e ovviamente buongustaio! (...e tanto altro!)



Abbiamo deciso di incontrarci ad Urbino perché è un posto nel quale nessuno dei due era mai stato, lontano dalla costa affollata di bagnanti e di sicuro interesse artistico, culturale ed ovviamente gastronomico.



Dopo i primi minuti di ovvi preamboli (tipo "Che bella macchina nuova che hai!" - "Ma dai! anche la tua non è niente male!) ci siamo addentrati nei vicoli deserti di Urbino accompagnati da una temperatura di almeno 30 gradi. Urbino è la città simbolo del Rinascimento italiano, posizionata tra l'Emilia Romagna e la Toscana, infatti il paesaggio ricorda molto entrambe, grandi distese di verde, tanti alberi, grandi saliscendi sinuosi, un'alternanza di colori e punti di osservazione.



Piazza del Rinascimento e l'obelisco egizio, XXVI dinastia

Urbus bina
, città doppia, il significato del nome latino di Urbino, che allude al fatto che l'abitato si è sviluppato tra due colli, uno dominato da Palazzo Ducale e l'altro dal monumento di Raffaello e dalla Fortezza Albornoz. (Marco Carminati)



Questo simpatico musicista di bicchieri, intratteneva i passanti con musiche napoletane, da non crederci! La bellezza estasiata dell'espressione sua stessa, era persino più bella di ciò che suonava. A guardarlo ci si domanda come possa essere possibile essere così geniali.



Camminando per le vie di Urbino si ha la sensazione di essere stati trasportati indietro nel tempo (tipo a Frittole). Se non fosse stato per lo schiamazzo di qualche laureando, ci sarebbe stata un'atmosfera quasi fiabesca, silenziosa, pregna di odori di ogni sorta: dai fiori delle tantissime finestre affacciate sulla strada a quello dei tartufi e dei funghi porcini venduti alle bancarelle.







Qui è tutto così antico che quando capita di incontrare un murale di questo genere si resta stupiti.



Gli immancabili panni stesi alla finestra, belli, colorati e freschi. C'è da chiedersi chi vive in questo posto, affacciato alla finestra non abbiamo visto nessuno!



Il sole cocente dell'ora di pranzo, le ombre forti sui muri di pietra, il cielo azzurro che più azzurro non si può.



E finalmente una bancarella degna di una sosta. Appena intravista, io e Frank ci siamo tuffati. Il profumo dei porcini era inebriante. E dire che a me invece il tartufo non ha mai fatto un granché di effetto e invece non ho saputo, né voluto, resistere alla tentazione di comprarlo per farci poi questo piatto che è diventato per me il ricordo gastronomico simbolo di questa gita.



A pochi passi dalla bancarella infatti, abbiamo trovato un ristorante che a prima vista sembrava essere il solito ristorante turistico. L'afa ci aveva già sfiaccati, vero è che non avevamo bisogno di un pretesto per fermarci, ma un posto all'ombra ci ha convinti a farlo.



I piatti del menù erano tutti interessanti, ma la Chitarra del Duca ha colto l'attenzione di entrambe ed è proprio quello che abbiamo scelto.



Inutile dire che è stata la chitarra meglio suonata degli ultimi tempi! Mangiare un bel piatto di spaghetti alla chitarra in pieno centro urbinate, in ottima compagnia e finalmente all'ombra, non ha prezzo. Non so quante volte ho pensato "Ma quanto è bella questa Italia!". Un piatto così semplice e così naturale che in Inghilterra mi potevo solo sognare di mangiare! Non so a voi, ma a me tutto questo fa un certo effetto, non è mica normale mangiare così bene!



La possibilità di prendere e andare ed essere trasportati in un'atmosfera talmente diversa ed unica, non ha prezzo. Io e Frank ci siamo goduti questo paesaggio senza la fretta né l'ansia di dover fare o dire necessariamente qualcosa. Ci siamo in effetti presi le nostre lunghe pause per assaporare ogni momento, tra un bicchiere di the freddo ed un altro, tra una chiacchiera ed una risata, tra le vetrine di una gastronomia e quelle di un negozio di articoli casalinghi e non solo. Le parole sono abbastanza superflue in questo caso. Sapere che esiste un luogo così straordinario mi ha dato una sensazione molto simile alla sindrome di Stendhal. Mi ha lasciata senza fiato e senza parole, mi ha stordita a tal punto da non avere niente da dire, nella speranza che le immagini parlino da sole anche per voi. A te Frank un grazie sincero, per tutto. Spero di poter condividere un'altra gita come questa in un'altra città altrettanto perduta.



Piccoli angoli silenziosi nascosti tra una salita e l'altra



I tetti...



...e le sedie sui tetti di Urbino



La collina marchigiana e il Campanile della chiesa di San Francesco



Vista del Palazzo Ducale e della Cattedrale



I gatti randagi... Il sornione



La pantera



...e Cleopatra



I panni stesi al sole ed un altro angolo all'ombra



L'architettura moderna e quella antica



I fiori alle finestre



Monumento a Raffaello, 1897



Le ombre forti



I colori caldi



...e le geometrie



Ingredienti per due persone
  • 250gr di spaghetti alla chitarra freschi
  • 1 manciata di funghi porcini secchi o freschi
  • 1 spicchio d'aglio
  • burro
  • prezzemolo tritato
  • tartufo nero
  • parmigiano reggiano grattugiato
Mettete i funghi porcini a bagno in acqua calda per circa 20 minuti. Soffriggete l'aglio intero in un po' di burro. Versate i porcini strizzati e saltate per qualche minuto. Versate il prezzemolo tritato, mescolate e bagnate con l'acqua dei porcini fino a quando non saranno ammorbiditi. Versate una manciata di formaggio grattugiato, aggiustate di sale e tenete il tutto a fuoco bassissimo fino a formare una salsa densa. In un'altra pentola cuocete la pasta, scolate al dente e versate nella padella con i funghi, aggiungendo altro formaggio grattugiato e mantecando fino a quando la pasta non si sarà insaporita, senza farla scuocere. Infine versate il tartufo tagliato a fettine sottilissime, mescolate e servite subito.

Sognando: sognare un amico fedele indica fascino subìto; sognare un amico sincero indica appoggi da dare a un anziano; sognare un amico sincero indica incostanza nell'amore; sognare un amico leale indica irritazione esagerata; sognare un amico tollerante indica fanatismo eccessivo; sognare un amico traditore indica profondità di giudizio; sognare un amico d'infanzia indica irrequietezza; sognare un amico generoso indica ingratitudine di parenti.

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf



English please: Spaghetti alla chitarra with black truffle and porcini mushrooms



Ingredients for 2 people
  • 250gr fresh spaghetti alla chitarra
  • 1 small handful dried porcini mushrooms
  • 1 garlic clove
  • butter
  • chopped parsley
  • black truffle
  • grated parmigiano reggiano cheese
Soak the porcini mushrooms in plenty of hot water for about 20 minutes. Gently fry the garlic clove in a bit of butter. Squeeze the mushrooms and add them to the pan along with the chopped parsley. Cook for a few minutes using a bit of the mushrooms water to cook until the mushrooms are soft. Add a small handful of grated cheese and keep cooking at very low heat until the sauce thickens a bit. Adjust with salt. Cook the pasta in another pan and drain al dente. Pour it into the sauce pan and mix well. Finally add the finely grated truffle, mix well, add some more grated cheese and serve immediately.

41 comments:

  1. Bene!! Sono felice di essere la prima a complimentarmi con te e con Frank, caro amico lettore di foodblog e -a mio parere- grande animo gentile!
    Urbino è davvero bella e le tue foto sono un omaggio alla sua bellezza!
    Un abbraccio a tutti e due!
    Chissà che la prox volta non risca ad acchiappare Frank anche io!
    :o)

    ReplyDelete
  2. Bellissime foto, mai banali, complimenti, ed è vero, l'italia è bellissima, anch'io sto facendo la turista ultimamente un po' con la scusa del blog e un po' per provare la nuova macchina fotografica e l'altro giorno ero nella mia città che come urbino è un gran bel posto.

    ReplyDelete
  3. splendide, splendide come sempre!!!

    ReplyDelete
  4. Salve a tutti,

    Sono nuovo del sito, l' ho scoperto per caso navigando in rete. Non mi intendo molto di cucina ma mi volevo complimentare con la proprietaria del sito per la sua competenza e creatività!
    Del sito mi ha catturato molto, oltre alle ricette, l' impressionante qualità delle foto, che aldilà dei soggetti che raffigurano, hanno una qualità del colore eccezionale!! Se L'autrice delle foto ha voglia di rispondermi mi piacerebbe sapere con quale macchina fotografica ha scattato le foto e con quale programma le ritocca (e quale corsi di fotografia a fatto !! :)
    Grazie e complimenti di nuovo.

    ReplyDelete
  5. WOW your photos are stunning! I can't wait to try this recipe too!

    ReplyDelete
  6. Grazie a te Francesca, è stata proprio una giornata indimenticabile :-)

    @Gourmet: quien sabe? Grazie :-)

    p.s.: qualcuno sa come si cura la sindrome di Stendhal? A me non è ancora passata :D

    ReplyDelete
  7. Ciao Fiore!
    Quanto sono belle le gite fuori porta! Sabato prossimo avremo ospiti a casa e li porteremo a zonzo fra le colline dell'entroterra umbro-marchigiano!
    Se ti capita, fai un salto in una di queste località: GUBBIO, SPELLO, SPOLETO, ASSISI, ORVIETO...
    TUTTE BELLISSIME E RICCHISSIME DI FASCINO!
    Se vuoi posso anche indicarti, per ognuna, un buon posto dove fermarti a mangiare!:DDD
    E non dovresti saltare nemmeno Civita di Bagnoregio (in provincia di Viterbo) nota anche come "La città che muore"... è stupenda!!!!!
    Baci!

    ReplyDelete
  8. E se "bazzichi" Orvieto non puoi mancare di fare un salto a Panicale !!!! E ti consiglio Bagno Vignoni, anche se è un po' più "su".
    Grazie a te per le emozioni (visive, olfattive, ambientali e sentimentali) che ci regali con ogni post !!!p.s. tecnico : adoperi anche filtri polarizzatori?

    ReplyDelete
  9. Mai avrei immaginato di diventare un'assiduo lettore di un blog di cucina.
    Mah! forza Zucchina

    ReplyDelete
  10. Ciao Francesca,
    certo che delle foto cosi sono veramente una promozione per il nostro bellissimo Paese.
    Ottima ricettina immagino decisamente gustosa e molto fine.
    Come sempre ti rinnovo i miei complimenti sempre un ottimo risultato.
    un bacio
    ciao ciao
    Filippovanni@libero.it

    ReplyDelete
  11. Una meraviglia di post, foto e ricetta sono davvero fantastiche.

    ReplyDelete
  12. Ciao, bellissimi post e foto! La ricetta è, forse, poco estiva ma superlativa... la foto è talmente bella che sembra sprigionare il profumo del tartufo! Con simpatia ;-)

    ReplyDelete
  13. I'm glad that I don't have to read Italian to enjoy your blog! Your photos tell a beautiful story.

    ReplyDelete
  14. Belle le tue foto ed il resoconto di viaggio... io sono all'estero da qualche anno ed ogni volta che torno in Italia ho esattamente le tue stesse sensazioni, descritte perfettamente nel tuo post. Condivito tutto quello che scrivi... ma che bella l'Italia!
    Ciao.

    ReplyDelete
  15. Senti Fiordì,
    io quest'anno, non so comè ma sto soffrendo il caldo...
    Vedere le tue foto mi ha fatto... sudare! (:D)
    Ma vedere solo l'immagine della chitarra... uhhhmmmm... quello mi fa venire l'acquolina davvero!

    Acc... e non ho neppure fatto colazione stamattina!!

    ReplyDelete
  16. Cavolacci e complimenti! Seguo il tuo blog da più di un anno, e devo dirti che da quando sei in Italia i tuoi post sono più ricchi, e anche tu sembri più serena... Insomma, leggerli è davvero una bella esperienza! Ti volevo fare i complimenti da tanto, e ne approfitto ora, deliziata dai porcini e dal tartufo... Bentornata in Italia!

    ReplyDelete
  17. sorriso sereno , io lo sto soffrendo così tanto che mi viene voglia di tornare al polo nord... ma solo per un attimo!! poi mi passa :) andiamo al bar?! :D

    orchidea , davvero sto (ri)scoprendo un'Italia che non avevo mai visto prima. avendo vissuto all'estero per 8 anni non ho mai avuto occasione di visitare il mio Paese come ho intenzione di fare ora! la vita è troppo breve per aspettare! :) baci!

    hi linda ! Hope you got I went to the Marche region in Italy and specifically on a lovely town called Urbino! :) p.s. I also so M. Peyroux in concert by chance and was absolutely delighted ! thanks for stopping by :)

    ciao anna , hai ragione che non è per niente estiva ma come si fa a resistere? :)

    isadora , grazie!

    ciao filippo , la ricetta è così semplice che non ha neanche bisogno di una ricetta! però che buoni! quasi quasi oggi faccio il tris! baci :)

    fedele , un sacco di cose uno non direbbe mai, eppure! :D baci

    ciao Jacopo , sicuramente m'informerò anche su quei posti, io adoro i paeselli sperduti e sconosciuti. si, uso 1 filtro polarizzatore, altrimenti con tutta questa luce, troppi riflessi :)

    ciao gata , assolutamente si! non appena saprò in quale di queste andare ti chiamerò all'appello per i migliori posti dove mangiare. già mi domando dove andrò questo weekend!? ^_^ baci

    frank , io direi che la cura migliore è quella della non cura. chi vuole guarire da una sindrome così!? ^_^

    hi Kova , thanks a lot!

    ciao anonima/o , grazie per i complimenti :) Uso una Nikon d50 e Photoshop per elaborare eventualmente di luce, taglio e quant'altro. Corsi di fotografia all'attivo: nessuno. (purtroppo!) :) ciao!

    zingara , grazie come sempre! :**

    ciao stelladisale , passerò a trovarti per scoprire di che città parli! :)

    ciao gourmet , credo di essermi limitata molto nelle foto per il troppo caldo, ma spero che s'intuisca la bellezza straordinaria di questo posto che vale la pena esplorare in gran dettaglio. grazie a te! :*

    ReplyDelete
  18. ciao maricler , con il sole, il mare, il cibo e queste bellezze non è difficile essere più solari e forse anche più sereni. ci sono tante di quelle cose belle da vedere e così tanti bei posti da visitare che a volte mi domando perché passiamo la nostra vita a preoccuparci per quello di cui dovremmo preoccuparci! è tutto molto più semplice di quel che sembra, basta godersela di più, io ci sto provando! :) baci e grazie

    ReplyDelete
  19. Piatto meraviglioso; certo che da queste foto si capisce davvero quanto ti sia mancata l'Italia.......

    ReplyDelete
  20. senti spettacolo di donna, ma visto che lavori da casa e via web, tanto per incrementare l’entrate, che non fa mai male.. perchè non provi a cercare delle collaborazioni con riviste, libri, etc. di viaggi e cucina?!!?
    perchè sei troppo brava ed il tuo talento è sprecato se rimane circoscritto a questo blog seppur meraviglioso e super frequentato!! per me andresti a ruba!! buona giornata Fiore!!

    ReplyDelete
  21. ..stupenda Urbino. Fiordizucca hai mai letto la poesia ''l'aquilone'' di Pascoli? il poeta ricorda quando era in collegio l� da bambino..

    ReplyDelete
  22. Urbino ventosa!
    Ci ho vissuto parecchi mesi ed è rimasta la "mia" città, mattone su mattone.

    Come in tutte le Marche, ci si mangia benissimo ovunque (che dire della crescia ad esempio?)-la mensa universitaria di Urbino era addirittura citata dal Gambero Rosso, figurati! :))

    Cittadina universitaria dove studiare è fantastico -tra quieti monasteri, e con vista permanente sui colli- a luglio è del tutto deserta ma esplode in agosto, per i suoi celebri "corsi estivi". E che dire delle gare di aquiloni rinascimentali!

    Come diceva Carlo Bo, son queste lande "provinciali" a rappresentare davvero la parte più autentica dell'Italia (il rientro a Milano mi stronco', serve dirlo?).

    Scusa la lunghezza Fiore, ma Urbino..!
    Un saluto anche all'haiuku-er ufficiale :)

    Marina, Milano (sob)

    ReplyDelete
  23. bellissimo post come sempre...i tuoi racconti di viaggi e sapori sono un appuntamento a cui rinuncerò malvolentieri durante le vacanze. un abbraccio Barbara

    ReplyDelete
  24. Mi state facendo sentire in colpa (esiste questa frase in Italiano, buh?) per la miseria. Ho abitato a Perugia per 6 anni, ho visitato tutto il visitabile nella zona, ma ho dimenticato Urbino!
    Rimediero' al piu' presto!

    Ps: Ma se ti viene la Sindrome di Stendhal puoi assentarti da lavoro?
    Se si, Franci o Frank contagiatemi!

    Gab

    ReplyDelete
  25. Gabry , dont worry quando torni ti ci porto, per la miseria! :D wtf!? ma come parli :))
    sai bene che in UK ti puoi assentare da lavoro solo se la sera prima ti sei ubriacato, altrimenti ciccia, a lavura'! :)

    ciao sediciaprile , dove andrai di bello in vacanza? :)

    ciao Marina , ti capisco, tra Urbino è Milano ci passa un abisso, con tutto il rispetto eh! :)) Vale la pena tornarci per visitare tutti quegli angoli nascosti di cui parli, io e Frank ce la siamo presa comoda e non abbiamo approfondito tutto quello che andava approfondito :) baci

    ciao alice , non l'avevo letta ma grazie a te sono andata a cercarmela, grazie, molto bella :)

    zingara , mi vuoi fare tu una proposta? :)) ho tanto di quel lavoro di mio che non ho tempo di cercarmene altro, per cui non ho fretta nè necessità, mi siedo ed aspetto che semmai arrivi la "cosa" giusta e se non arriva a me va già alla grande così :) baci!

    ciao maria giovanna , quando vivevo in Inghilterra l'Italia non mi mancava per niente, ma adesso che sono qui me la godo come non ho mai fatto prima :)

    ReplyDelete
  26. magari avessi un lavoro da proporti!! sono sicura che avrai già tante cose da fare perchè sei veramente in gamba...però visto che le foto le fai a prescindere... se capiterà l'occasione giusta come dici tu avrai un sacco di materiale da sfruttare... pensa ad esempio quanto potrebbero migliorare con le tue foto i siti comunali!!! ...cmq nella vita mai dire mai...nel mentre buon lavoro donna instancabile!!! baci***

    ReplyDelete
  27. ciao,devo farti i complimenti per le foto che sono davvero stupende mi fai venire voglia di andare in vacanza.(Ma a pensare che qui in Svizzera il tempo fa i capricci e in Italia si muore dal caldo). ciao da Rosy

    ReplyDelete
  28. Cavoli !
    Ho aperto la pagina e mi è venuto un coccolone vedendo la finestra di casa di una mia amica !
    Si, Urbino è splendida e potrei parlarne per ore.
    Se serve una guida sono a disposizione !
    Per i posti dove mangiare... beh, avete avuto culo, visto che quasi tutti gli altri sono vere e proprie "trappole per turisti".
    :)

    ReplyDelete
  29. Sono rimasto folgorato dalla bellezza delle foto e sono curioso di provare quel bel piatto mostrato così bene.

    ReplyDelete
  30. Mentre leggevo la tua risposta, ho visto che qualcuno ti consiglia di visitare Bagno Vignoni. Sono stata da poco in quella zona e ho postato qualcosa... se ti va...;-)

    ReplyDelete
  31. che meraviglia,me ne mangerei un bel piatto per cena!

    ReplyDelete
  32. Ciao carissima,

    come ti capisco l'Italia e davvero bella e per chi come noi che viviamo fuori dal nostro bel paese la sindrome di Stendhal e tanta malinconia sono la sempre in agguato.
    Hai fatto proprio bene a ritornartene in Italia....io ci sto pensando...della spagna ne ho abbastanza. Vivere fuori alla lunga non e'cosa facile, io alla fine mi devo sempre giustificare per essere italiana e per tutti i casini che fate voi la'.
    Ciao un beso
    Daniela

    ReplyDelete
  33. Se vedo altre foto di Urbino potrei mettermi a piangere..è stata la mia adorata casa per i 5 anni dell'Università, forse i 5 anni più intensi della mia vita...

    ReplyDelete
  34. Sono affascinata dalle tue foto :)

    ReplyDelete
  35. Bellissime fotografie! Quasi quasi sarei andata anche ad Urbino durante la settimana passata. Sono tornata da un piccolo "Giro d'Italia" due giorni fa, e solo ora me rendo conto che sono passata anche vicino a te, a Vasto. :-) Non siamo rimasti li' pero', invece abbiamo trascorso un fine settimana in campagna, a Carunchio (se non lo conosci gia', e' un posto interessante, su una collina, con un bellissimo albergo, il Palazzo Tour D'Eau).
    Le tue ricetta mi fanno venire voglia di tornarci immediatamente. ;-)
    Saluti da Vienna (calda come se fossimo nel Mezzogiorno, purtroppo senza il vostro bellissimo mare!).

    ReplyDelete
  36. ad Urbino ci vado ogni settimana per impegni.. e ci ho abitato
    divina
    semplicemente divina
    ma la prossima volta che ti fai un giro da quelle parti farai bene a passare anche dalle parti di Urbania. Ci sono un paio di posti dove mangiare e/o dormire che sono un sogno ad occhi aperti.
    solo bio e haute cuisine fatta con amore.
    in caso mandami una mail
    sada.ranis@gmail.com
    no davvero, è una cosa imperdibile.

    zoe

    ReplyDelete
  37. Le tue foto sono splendide...mi fai venire voglia di tornare ad Urbino che ho visitato sotto la pioggia purtroppo...Ma è una citta'molto affascinante !
    Ti do il link verso il post che avevo fatto...

    http://dituttodipiu.canalblog.com/archives/2006/10/24/2987557.html

    Ciao !

    ReplyDelete
  38. Grazie per questo giro virtuale nelle Marche che, anche a distanza di chilometri, non si possono togliere dal cuore!
    La ricetta deve essere deliziosa! :)
    Complimentissimi per il questo bel blog! Silvia

    ReplyDelete
  39. Che posso aggiungere di più di quanto è stato scritto: sei brava.
    Le foto sono bellissime e i piatti che proponi stuzzicanti.
    Tu, come altri bloggers, siete uno stimolo a migliorarsi.
    ^___^
    Ciao
    Cris

    ReplyDelete
  40. Sono molto legata a questa cittadella dei balocchi, ci ho anche vissuto e ci torno quando posso, le foto sono bellissime :)))

    ReplyDelete
  41. Ah...! che meraviglia... anche io ci ho vissuto 5 anni a Urbino ed è rimasta nel mio cuore. Se c'è una che capisce la tua sindome sono io!

    ReplyDelete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...