Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

18 April 2007



Quando tutto va bene, qualcosa andrà male. Lo so non é il massimo per ricominciare, ma sembra proprio che ogni soluzione generi nuovi problemi, non si finisce mai.
E dunque da dove ricomincio? Le cose da raccontare sono talmente tante che faccio fatica a mettere in ordine tutti i pensieri e le avventure vissute sino ad oggi dall'ultimo post, che definirei prima Adsl e dopo Adsl (e mettiamoci dentro anche il server di Aruba ancora in manutenzione! finalmente ripristinato!)
Intanto la risposta tanto attesa: ebbene si, sono in Abruzzo, ma non a Vasto, bensí a Cittá del Vasto, ridente cittadina (si dice cosí no?) di circa quarantamila abitanti in provincia di Chieti.

[La leggenda narra che Diomede, Re d'Etolia, dopo l'assedio di Troia, si esiliò volontariamente dalla sua Patria e sbarcò con le sue genti nell'Italia Meridionale dove fondarono diverse città tra cui Histonium, mentre altre voci, non dando fondamento alla creazione di città da parte di eroi e semidei, ritengono più giusto attribuire la fondazione di Histonium a popolazioni Illiriche. Il nome odierno pare che derivi, dall'epoca longobarda, da Guasto d'Aimone. Guasto a sua volta deriva da gastaldato (un abbozzo di provincia odierna). Guasto si sarebbe modificato nel tempo e nei documenti catastali e comunali in Uasto e poi in Vasto] (wikipedia docet)



Il legame che si stringe con il mare é inscindibile, una volta che lo incontri é davvero dura poi farne a meno. Un legame che nasce non solo per l'intensità e la gioia che un elemento così immenso può regalare, ma anche per ciò che raccoglie in sé.
La mia giornata di sabato scorso é iniziata con una passeggiata innocente sul lungomare di Vasto Marina. La bassa marea e la luce del sole coperta da nuvole passeggere, rendevano la spiaggia semi deserta ancora piú bella. Qualcuno correva a piedi nudi, altri semplicemente camminavano pregni di pensieri che il mare rasserena, o agita, a seconda.



Sulla spiaggia ho intravisto delle persone in camice bianco, dei signori di mezza età seduti su cassette di plastica colorate, come in attesa di qualcosa. Infatti aspettavano una piccola barca blu, che arrivasse a riva con il pesce del giorno. Si é così formato un piccolo circolo di spettatori e di persone che già attendevano, sapendo. "Solo seppie questa volta, niente pesce", dice il pescatore imbracato in una tuta di plastica fino sotto alle ascelle. Io e mia madre abbiamo comprato tre enormi seppie a 8 Euro al chilo, giá pulite lí per lí dal pescatore stesso. Odore di mare e di mani sapienti.



Mia madre le ha subito riempite con uova, pan grattato, formaggio e prezzemolo e le ha cotte sul gas con qualche patata. "Ci voleva pure qualche lampascione" ha detto. Lei i lampascioni li mette ovunque.

Elena aveva proprio ragione, la Costa dei Trabocchi é spettacolare, io non ne avevo mai sentito parlare ed ho avuto occasione di andarci proprio durante il mio primo week end abruzzese. Il Trabocco è una macchina da pesca complessa, ancorata in modi diversi a scogli e rive scoscese, di cui si hanno varianti nelle bilance e marchingegni per pescare con larghe reti, restando a terra. Richiede grande perizia nella costruzione e nell'utilizzo, tanto che quello di traboccante è un artigianato e un mestiere specifico. Per saperne di piú, consultate questo sito dedicato ai Trabocchi nel quale é descritta in maniera dettagliata ed esperta cosa sono i trabocchi e la loro storia. Per me é stato sicuramente un incontro magico, quasi mistico, anzi per molti versi decisamente mistico.



Ho avuto occasione di imbattermi nel Trabocco di Spezza Catena e di avere il piacere ed il privilegio di conoscerne il proprietario: Orlando (detto Orlanduccio), un signore alto, con una faccia spontanea e genuina, con gli occhi azzurri azzurri come il mare e con una passione tramandata da generazioni. I suoi racconti e le sue spiegazioni mi hanno talmente presa che ho dimenticato di fotografare sia lui che il suo trabocco!

E' così però che una gita fotografica si é trasformata in una giornata ricca di spunti non soltanto visivi ma anche olfattivi ed ovviamente culinari. Orlando era lí per ritirare le reti nelle quali intrappolate c'erano tante seppie, alcune di queste strangolate da polpi. Le seppie strangolate dal polpo, diceva Orlando, sono ancora piú buone perché in questo modo la carne della seppia viene massaggiata e quindi poi risulta piú morbida. Un po' come quando si batte il polpo stesso.



Le seppie lui le apriva direttamente con le mani, vive, rimuoveva la sacchetta di nero e poi le riponeva in un secchio pieno di acqua. Mi ha spiegato che ci sono seppie femmina e seppie maschio e che le femmine si distinguono dal maschio perché all'interno hanno le sise (le tette) e le uova, la parte piú prelibata.



Le lumache invece, anch'esse impigliate nelle reti, le ho sempre mangiate in Inghilterra bollite, come usano gli inglesi cucinare la maggior parte dei frutti di mare (tipo gamberi, cozze e persino aragoste). Non mi hanno mai attirato mangiate così, ma Orlando me ne ha regalato un sacchetto zeppo (e pure due grandissime seppie) e mi ha anche suggerito un paio di modi per cucinarle, dopo averle bollite. Io ho scelto quello più semplice per questa volta, in insalata, con olio buono e prezzemolo, perché l'erba cipollina che lui suggeriva, non ce l'avevo! Ottime anche con un sugo al pomodoro fresco e due spaghetti (e magari due cozze e due ostriche come ha detto lui).



Per pulire le lumache occorre una buona dose di pazienza e qualche stuzzicadenti di legno, oppure, ancora meglio, uno di ferro, tipo quelli che si usano per gli spiedini. Io in extremis ho dovuto usare un uncinetto perché a contatto con le lumache lo stuzzicadenti si ammorbidiva e si spezzava.

Ingredienti
  • lumache di mare
  • olio buono
  • pomodori rossi
  • un piccolo spicchio d'aglio
  • sale, pepe
  • prezzemolo tritato
Fate bollire le lumache in acqua salata con mezzo bicchiere d'aceto per circa 20 minuti. Scolatele e toglietele dal guscio aiutandovi con uno stuzzicadenti oppure con un ferro. Risciacquatele sotto acqua corrente e preparate l'insalata con i pomodori tagliati a cubetti piccoli, il prezzemolo e l'aglio tritati finemente o se l'avete usate l'erba cipollina.





["Perché nessuno possa dimenticare di quanto sarebbe bello se, per ogni mare che ci aspetta, ci fosse un fiume, per noi. E qualcuno, un padre, un amore, qualcuno - capace di prenderci per mano e di trovare quel fiume - immaginarlo, inventarlo e sulla sua corrente posarci, con la leggerezza di una sola parola: addio. Questo, davvero, sarebbe meraviglioso. Sarebbe dolce, la vita, qualcunque vita. E le cose non farebbero male, ma si avvicinerebbero portate dalla corrente, si potrebbe prima sfiorarle e poi toccarle e solo alla fine farsi toccare, farsi ferire, anche. Morirne. Non importa. Ma tutto sarebbe, finalmente, umano. Basterebbe la fantasia di qualcuno, un padre, un amore, qualcuno. Lui saprebbe inventarla una strada, qui, in mezzo a questo silenzio, in questa terra che non vuole parlare. Strada clemente e bella. Una strada da qui al mare." A. Baricco - Oceano Mare]

Sognando: sognare lumache di mare indica mutamento di circostanze; sognare lumache cotte indica serenitá sentimentale; sognare di mangiare lumache indica nuovi avvenimenti.

Haiku: Ragni di legno - tra le zampe nell'acqua - piccoli pesci (Frank)



English please: Sea Snail Salad



Ingredients
  • sea snail
  • extra virgin olive oil
  • ripe chopped tomatoes
  • a small garlic clove
  • salt, pepper
  • chopped parsley
Boil the snail in salted water and add half glass of vinegar for about 20 minutes. Drain and clean the snail with a toothpick removing the bits that its located at the very top of the snail, the round hard top. Wash them again under running water and proceed with the salad by mixing them with all other ingredients.

42 comments:

  1. Ma che Bello!!! Ieri ti ho lasciato il mi primo commento dicendoti che oltre che amare la fotografia e la buona cucina amavo soprattutto il MARE, e tu mi fai questo regalo....GRAZIE!

    ReplyDelete
  2. Ahhhhhhhhhh, un grande ritorno in tutti i sensi!

    Valeva la pena aspettare un po' di più del solito ;-)

    Baci.

    ReplyDelete
  3. Fantastic, I wish I had seafood at hand like that... it would be heaven.

    ReplyDelete
  4. ho vinto qualche cosa? ;D
    adoro quella zona, adoro i trabucchi (che ho sempre chiamato così, con la u, come si chiamano più giù, verso la puglia) ed adoro questo post lunghissimo che mi appresto a leggere con attenzione.

    ReplyDelete
  5. Cuecciuli...così li chiamiamo noi, sulla costa jonica del salento. Li adoro, lessi con olio, limone aglio e prezzemolo...
    Che bontà!Devo provarli anche con i pomodori o addirittura con il sugo...

    ReplyDelete
  6. In dialetto abruzzese (la mia terra di origine) le lumache di mare si chiamano "bummaletti" mia madre li faceva col sugo..buonissimi!Sei nella mia terra fiore che strano..buona permanenza e buone mangiate!Sigh..rimpiango da morire il cibo della mia terra ora che sono emigrata in Padania!

    ReplyDelete
  7. Ma vedo bene? Il vassoio è a forma di barca? Divino!

    ReplyDelete
  8. Ma allora ho vinto, sono stata la prima a dire Vasto! Cioè si, scusa, Città del Vasto, ma noi molisani la chimiamo Vasto e basta :-D
    Allora ci vediamo per un gelato quando sono a Termoli? Baci!

    ReplyDelete
  9. Da un abbruzzese (ancora in terra d'Albione, dopo 8 anni) che ti segue da poco ad una novella abbruzzese: buona fortuna per il ritorno in madre patria!!!

    Lo so, il "reverse cultural shock" puo' essere forte (ce l'ho io dopo 3-4 giorni che sono a casa a L'Aquila!), ma sono convinto che non sara' cosi' brutto tutto sommato. Che farai a Vasto, a parte cucinare e scattare foto?

    Ciao! (Fabio)

    ReplyDelete
  10. Complimenti per le foto e per la citazione da Baricco che mi piace molto!!!
    A Taranto da dove provengono si chaimono "Cueccl" italianizzati Coccioli...
    Flo

    ReplyDelete
  11. Scusate gli errori di ortigrafia...che pasticcio...

    ReplyDelete
  12. Bellissimo racconto, che trasmette tutta la magia del mare, della sua gente e dei suoi sapori :))
    ciao
    k

    ReplyDelete
  13. queste foto sono meravigliose, e finalmente il mistero svelato... da noi a Lampedusa queste conchiglie si chiamano "muccuna" e a ormai non si pescano quasi più ma quando riesco a trovarle le cucino nel modo più semplice possibile , così come hai fatto tu, mmmm buonissime!

    ReplyDelete
  14. Ah, mi ero scordata nel commento precedente, ben tornata!!!

    Che belli i trabocchi, sono proprio affascinanti! Nella zona di Vasto poi, devono essere bellissimi! Ricordo un'amica di un'amica che ci ha fatto una tesi di laurea per il recupero, con tanto di immersioni per i rilievi!
    Suggerisco la tappa a Nath per una prossima gita!

    È sempre piacevolissimo leggerti, un po' mi sipace che non c'è più la figurina nella posizione del ponte, o dell'arco cos'era...
    a presto

    ReplyDelete
  15. gatadaplar18/4/07 2:47 pm

    Ciao carissima Fiore!
    Prima o poi bisogna che questa Città del Vasto la veda!!!
    Ci sono troppe persone che conosco e a cui voglio bene che sono legate a questo posto!!!
    Un elenco? :)
    - Mia cugina col marito e la piccola Emma hanno una casa dei genitori di lui e ci vanno tutti gli anni in vacanza
    - TU! :)))
    - Una coppia di nostri amici
    - La coppia che abita sopra di noi è originaria di Vasto! :P
    Troppe coincidenze no?
    TANTISSIMI IN BOCCA AL LUPO! PER TUTTO!
    ... mi piace questa ricettina con le lumachine! slurp!!
    Gata da plar

    ReplyDelete
  16. Io mi unisco a Nacla : ti prego facci sapere dove hai trovato la barca blu!! :)

    ReplyDelete
  17. the-runaway18/4/07 6:25 pm

    Ciao Fiordizucca!
    ho preparato alcune delle tue buonissime ricette, un successo...., ma questa che proponi oggi è mitica! Adoro i "Bocconi"...in Sardegna chiamiamo così le tue lumache di mare.
    I wish you my best in Italy!

    ReplyDelete
  18. Complimenti per le foto sono veramente bellissime!

    ReplyDelete
  19. ah!da poco ho scoperto il tuo blog e già ero in ansia per sapere come mai nn c'erano news..
    complimenti per il blog e la generosità con cui pubblichi le tue "creazioni"!quando avrò una cucina decente e un forno potrò sperimentare!
    fiordacacia

    ReplyDelete
  20. lo sapevo che eri in abruzzo!!!
    peró credo di non aver lasciato nessun commento a proposito... bella scelta, sopratutto per il mare!

    ciao fiore, questa ricetta mi ha messo un'acquolina in bocca..

    manu

    ReplyDelete
  21. ah! che bello vasto ci sono stata molte volte ,i miei genitori sono di campobasso,immigrarono in inghilterra negli anni 60,quindi grande nostalgia di england ,molise e dintorni, posti bellissimi ora vivo a prato(brrr!)ciao fiore il tuo blog è MITICO!!!
    marigio.xx
    ps .non riesco a lasciare un commento speriamo di non fare pasticci.

    ReplyDelete
  22. Mitica, come direbbero gli inglesi Spot-on, ossia vero lusso.
    E' inutile, mitica di nome e di fatto:D

    Abbracci chilometrici
    Gab

    Ps: Ti sembrerà strano ma qua non piove e c'è il sole da 2 settimane...MIRACOLO

    ReplyDelete
  23. ciao io però non ho capito cosa ci sei tornata a fare in italì. pure io sono ritornata e spesso, spessissimo, la vita very civilized mi manca ancora tanto pur se qualche passetto in avanti in italia l'abbiamo fatto. sì.
    bacetti
    skappa

    ReplyDelete
  24. Io sono italiana ma in Lanzarote, e capperi come mi mancano i profumi, sapori,ecc.. del mio Paese!!! Uffi!

    In bocca al lupo!

    Kebrunella

    ReplyDelete
  25. kebrunella , bellissima Lanzarote ci sono stata due anni fa ed una delle cose che piú mi ricordo (a parte il fatto che é piena di pub inglesi su tutta la costa) é il vino Malvasia che producono ne La Geria. Squisito! :)

    skappa , ci sono tornata per darmi un'asciugatina alle ossa, per questo ho scelto un posto al sole :) a me sembra molto piú civile di otto anni fa, ma come molti hanno giá detto, non credere che gli altri paesi lo siano di piú, dipende sempre dalla condizione sociale in cui vivi e da come te la vivi in generale :) bacetti anche a te

    Gabryyyyyy , si vede che ero io che portavo rogna di pioggia :) quando verrai a trovarmi ti faró trovare un bel piatto di lumachine :) bacetti kilometrici esponenziali alla seconda!

    marigio , mi sembra che sia andato tutto bene nel lasciare il tuo commento :) bella prato mi hanno detto, é nella mia lista di posti da visitare :)

    manu , ed io che pensavo che le lumache facessero impressione a molta gente, invece noto che piacciono parecchio ! :)

    fiordacacia , ti auguro di avere una cucina molto presto allora, é la parte della casa che preferisco di piú :)

    lavanda&zafferano , grazie mille! :)

    the-runaway , grazie! é sempre curioso sapere come si chiama un ingredienti o un piatto nelle diverse regioni. saluti alla bellissima sardegna! :)

    gatadaplar , allora un buon motivo per passare di qua :) ho notato che Vasto é molto popolare e parecchio conosciuta ed ha motivo di esserlo vista la sua bellezza. ti aspetto! :)

    lafrancese , se proprio ti manca la posso ri-mettere la figurina del ponte :)) che cosa sarebbe Nath? non conosco :) ai trabocchi devo tornarci per fotografarli meglio ma, come dici tu, e' un posto bellissimo e quando c'é il sole l'acqua é trasparente con dei colori bellissimi! devo imparare a nuotare quest'anno! :) baci

    giovanna , hai anche altre ricette a parte in insalata? o forse questa e' la morte loro, in insalata o col sugo, in effetti che altro si potrebbe fare? :)

    ciaok , grazie :)

    ciao flo , anche noi li chiamiamo cacciul, ma c'é anche un pesce che chiamiamo allo stesso modo, tradotto "piccolo cane", bah! :)

    ciao fabio , dove ti trovi esattamente?
    per il momento l'unico vero shock é abituarmi alla gente in generale, per il resto credevo che mi sarebbero mancati chinese, indian e pub, invece qui c'é talmente tanta bella roba da scoprire che per ora non ho nessuna voglia di pollo tandoori o noodles :)
    continueró a fare quello che facevo prima, cioé lavorare da casa :)

    ciao nanna , ma tu dove stai? non me lo ricordo :)

    nacla e cricri , il vassoio é a forma di barca blu si, credo di averlo preso in un negozio che vendeva souvenir marini in quel del Devon. Vanno bene anche nel forno e sono ovviamente molto in tema con il mare :)

    francesca , la padania avrá sicuramente altri piatti nondimeno ottimi, certo non ci sará il mare ma comunque puoi sempre prendere un bel trenino e fare un giro da queste parti :)

    ciao gina , il pescatore mi aveva suggerito limone ed olio ma non so perché ho pensato che il limone avrebbe un po' ammazzato la lumachetta allora ho optato per olio e basta. ma la prossima volta... :)

    ciao pimms , hai vinto un bel bacio in fronte e dí che non é poco! :) smack!

    labelga , come around anytime and you will have some at hand :)

    frank , speriamo che queste lunghe attese non si debbano ripetere in futuro, in ogni caso é un piacere essere tornata !

    kix , grazie a te di essere passata cosí ora conosco il tuo blog che ha delle bellissime foto da immersione e magari qualche volta vengo a chiederti delucidazioni su questo o quest'altro visto che tu ne sai di mare molto piú di me! :)

    ReplyDelete
  26. Anche il gargano è pieno di trabucchi sono davvero spettacolari...complimenti le foto sono splendide e anche la ricetta...anche se a me le lumache piacciono poco... :-9

    ReplyDelete
  27. Ma ben volentieri!! A tua disposizione per qualsiasi dubbio o curiosità!

    ReplyDelete
  28. Ciao Fiore e così anche tu in Abruzzo, io napoletana ho trovato qui casa, lavoro e tanta gente che mi ha accolto a braccia aperte, visto che faccio un lavoro pubblico....
    Il mare forse non è il Tirreno ma ci si adatta ben arrivata in abruzzo.
    Baci

    ReplyDelete
  29. per nanna: No, ho vinto io! Io ho detto anche la strada.
    ;-)

    ReplyDelete
  30. ciao fiore, mi stai facendo sbavare dalla fame!il tuo post mi ha fatto ricordare un ristorante ottimo dove andavo durante le mie vacanze proletarie a pescara che si chiamava appunto "lu travocche" e stava su nu travocch (ma va?). Adesso in ufficio a Udine e sono pure a dieta!!

    ReplyDelete
  31. Io vivo a Ferrara, ma sono di Termoli e ogni tanto scendo liggiù :-)

    ReplyDelete
  32. per sesto pompeo: tu hai detto la via, ma io avevo indovinato Vasto da moooolto prima :-D

    ReplyDelete
  33. e comunque sesto pompeo é squalificato perché il gioco non era indovinare la via ma la regione o la cittá!!!! :)) e comunque hai perso lo stesso :p

    ReplyDelete
  34. Squalificato?
    Peccato... potevo indovinare anche nome e cognome!
    :-)

    ReplyDelete
  35. Fiore, come sarebbe "che cosa sarebbe Nath?" LOL
    Non conosci la storia d'amore piu' romantica del web? Vabbe' di romantiche ce ne sono tante, ma Nath e la (sua) francese sono la mia coppia preferita :)
    P.S. Allora ci si vede prima o poi?
    P.P.S. Ma, a parte le castagnole, ci sveli cio' che hai fotografato: torta al formaggio? torrone al cioccolato? Sono curiosa, lo sai :)

    ady, ci credo che ti hanno accolto a braccia aperte, gli abruzzesi sono gente di cuore, burberi, con la testa dura (e lasciatelo dire da chi ha una mamma abruzzese e pure papa` che pero' tempo fa e` diventato laziale), ma di GRANDE, GRANDISSIMO cuore.
    Direi che per l'impatto italiano Fiore non ha scelto male.

    ReplyDelete
  36. ciao!
    svelato il mistero, dunque.
    Mi piacciono tantissimo, sempre di più le tue foto, oltre ad essere esteticamente belle, raccontano...

    ReplyDelete
  37. ciao isabilla :) grazie infinite. baci!

    elisa :) la torta era al formaggio si, detto anche fiadone. la torta al cioccolato era una replica dei bocconotti, altri dolcetti regionali. nella torta e' stato usato lo stesso impasto/ripieno. lo so, era un po' depistante! :)
    p.s. prima o poi si! :))
    Continuo a non sapere cos'é Nath, illuminami! :)

    sesto pompeo , a proposito di nomi e cognomi, ma tu, chi sei?!

    ciao nanna , ti aspetto allora! :)

    ciao bertha , é importante ricordare i posti a seconda di come si é mangiato, se bene o se male. io di solito rimuovo a seconda :) baci e non stare troppo a dieta!

    ciao ady allora siamo vicine di casa! :) caspita, da quando mi sono trasferita mi sembra che siate tutti piú vicini! :)

    ciao anna , sul gargano ci sono stata molte volte in passato ma non ho ricordi di trabocchi, forse troppo piccola per ricordarmelo? :))

    kix , ho subito una domanda per te, nel mio prossimo post... :)

    ReplyDelete
  38. M E R A V I G L I A !!!!!!!!
    Tra l'altro avevo "quasi" indovinato: avevo pensato al
    Molise :-)

    Forse il più bel post che abbia mai letto (sicuramente è "sul podio"). Allora esiste ancora la "vita vera" !!!
    Bellissime le atmosfere e le sensazioni che descrivi :-D

    Bentornata !!!!!!!!!

    ReplyDelete
  39. Cosa leggono le mie affamate pupille? Hai sperimentato una replica dei bocconotti? RICETTAAAAA! Nanna loves bocconotti! E fiadoni pure, ma di quelli la ricetta ce l'ho (mia nonna era di Vasto!!!)

    ReplyDelete
  40. Sono il figlio di Pompeo Magno, che diamine!
    :-)

    ReplyDelete
  41. Mi piace QUESTA versione del mare: i paesaggi, i pescatori, i suoi preziosi frutti...

    ReplyDelete
  42. Ciao...è un pò che ti seguo, in primis per le tue ricette così creative.
    In secundis per la mia grande passione, la fotografia, la mia tesi di laurea è stata proprio su di una grande fotografa italiana.E guarda un pò anche io ho una Nikon 50d.
    Poi leggendo meglio il blog ho scoperto che sei anche tu come me pugliese, io sono del Gargano.Anche io in giro per il mondo, da soli 3 anni vivo al Cairo...ed ora vengo a scoprire che sei venuta a vivere nel paese che mi ha adottata???wow quante combinazioni!
    Ho vissuto a Vasto per ben 18 anni, e continuo a viverci visto che i miei parenti sono lì.
    Spero di incontrarti al mio rientro dall'Egitto così ti darò qualche dritta per comprare nei mercatini migliori.
    A proposito hai già visitato Punta Penna?Devi farlo assolutamente!
    Halan Wasalan direbbero gli arabi, Benvenuta a Vasto!

    ReplyDelete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...