Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

27 June 2007



Sono le 5.30 di sabato mattina e mi sveglio di soprassalto per il troppo caldo. Il laptop mi dorme quasi accanto e con gli occhi ancora stropicciati cerco il tasto di accensione. Cerca rete. Rete non trovata. Connetti. Connessione non valida. Riprova. Cerca rete. Rete non trovata. Rete inesistente.


Mi alzo e vado a controllare il router e già ho il brutto presentimento che il peggio sia di nuovo accaduto. Il presentimento si trasforma presto in certezza. Mi hanno staccato di nuovo l’Adsl! @+&&%! Afferro il telefono e alle 5.35 compongo il 187, come se dall’altra parte della cornetta a quell’ora ci potesse davvero essere qualcuno che di sabato mattina sta lí a preoccuparsi della mia linea Adsl. E infatti dopo il bel minuto e mezzo di attesa la linea cade. Non era meglio mettere un bell’annuncio automatico che dice che il customer service a quell’ora dorme? Che tanto ormai é talmente tutto automatico che a volte sembra di parlare da soli.

Al diavolo l’Adsl. Non posso mica svenarmi alle 5.30 del mattino perché l’ennesimo incompetente mi ha staccato la linea?
Afferro due stracci, li metto in borsa insieme alla macchina fotografica e al costume da bagno. Luisa é già in macchina che mi aspetta. Dove andiamo? Nord? Sud? Est? Ovest? Luisa decide che andremo alla Foresta Umbra, che almeno lí un po di serenità non ce la toglie nessuno.

Stavolta imbocco il casello dalla parte giusta ma esco contromano. Sono sicura che alla terza volta farò bene entrambe. Uscita del casello Poggio Imperiale: Euro 2.80. Attraverso una serie di strade tortuose e alle 8.00 sono già a Peschici. Luisa mi chiede dove voglio andare ma io non so bene dove farmi portare così che mi fermo al porto. Se solo avessi avuto Internet avrei almeno potuto informarmi sugli spot da visitare. Un trillo del cellulare mi avvisa che é arrivato un SMS. L’Ente Nazionale Croato per il Turismo mi augura buon viaggio e mi da il benvenuto in Croazia. Viva la globalizzazione, penso. Va bene che mi perdo anche con le indicazioni, ma non credevo di essere andata così lontano.


Al porto faccio colazione in un bar piccolissimo con una signora molto gentile che parla un dialetto a me molto famigliare, e di sicuro non é croato.

Resto a guardarmi intorno per un po’, le barche ormeggiate, il traghetto che da lí a poco partirà per le Isole Tremiti, il cane che mi guarda già stanco ed il sole che mi scalda. Fin troppo, é ora di ripartire, ma prima, voglio farmi del male e richiamo il 187 augurandomi che mi risponda qualcuno che abbia un minimo di cervello al posto giusto, mentre Zucchero alla radio canta "Il tuo cervello non pesa un kilo, da troppo tempo non passa di qua..."


Mi risponde una signorina dall’accento sardo. Le spiego la situazione cercando di restare più calma possibile nonostante che sono chiusa in macchina ad una temperatura di circa 400 gradi perché se accendo l'aria condizionata non la sento e questa chissà che altro mi combina.

Le racconto che due giorni prima ho telefonato il 187 per avere un ragguaglio tecnico riguardo le connessioni Adsl con il sistema operativo Windows Vista, che un suo collega mi ha risposto che mi avrebbe fatto chiamare da un tecnico entro 24 ore ed invece, come già accaduto in passato, mi ha staccato completamente la linea. Sudo freddo e caldo. Mi tiene in attesa e sembra stia scrivendo la Divina Commedia. Mentre lei fa, mi sparo un mezzo secondo di aria condizionata addosso e subito lei dice: “Stia tranquilla signora, la linea le sarà riattivata entro due giorni”. Tranquilla non sono per niente ma la ringrazio perché non posso fare altro e riprendo la mia traversata verso il Parco Nazionale del Gargano.

Appena imbocco l’entrata del parco “Enjoy the silence” dei Depeche Mode parte. Me la godo in silenzio, quasi come un segno del destino e poi giustamente spengo radio e condizionatore per godermi il vero silenzio. Adesso si, non voglio sentire più niente e nessuno, tranne il canto di uccelletti e grilli.

Guido per un paio di kilometri senza incontrare nessuno, per un attimo mi domando se sono nel posto giusto, poi vedo una macchina e mi fermo anch’io per fare qualche foto.


Mi addentro nel bosco per qualche decina di metri. C’é un silenzio ed un'atmosfera difficili persino da catturare con l’obiettivo. La temperatura é di 15 gradi, l’aria é fresca, sembra di essere in paradiso, manca solo Adamo e qualche foglia di fico.

Cammino ancora e mi guardo alle spalle, non c'è nessuno ma chissà perché mi sento osservata. La mia fantasia paranoica mi spinge ad immaginare di essere sbranata da un lupo cattivissimo e selvaggio e conseguentemente di essere divorata da vermi di ogni specie garganica.

Mi sento un po’ come cappuccetto rosso nel bosco, solo preferirei evitare l’incontro con il lupo cattivo e torno indietro a passo svelto.


Più avanti incontro una piccolo riserva di daini che vengono nutriti dai turisti di passaggio. Qualche simpaticone suggerisce una bella polenta con daino per la serata e per fortuna il daino non lo può sentire.


La foresta é una riserva incontaminata e per essere apprezzata in pieno va esplorata. Ci sono dei percorsi di 2 o 3 ore nei quali é possibile fare incontri ravvicinati con una fauna ed una flora unica.


Io peró incontro solo qualche fungo velenoso, un piccolo uccelletto ed una papera che gioca con i bambini.

Appena rientro in macchina mi rendo conto che la temperatura ha raggiunto livelli da sauna thailandese. Luisa mi dice che é ora di ripartire, direzione Monte Sant’Angelo, in provincia di Foggia.


Attraverso una serie di strade tortuose prima di arrivarci. Per fortuna non ho ancora mangiato. Qui si trova il famoso Castel Sant'Angelo ed il Santuario di San Michele Arcangelo. Non c'è da meravigliarsi se il paese poi si chiama così!

La gente qui é cordiale e sorridente. Sembra che il passatempo locale sia quello di lavare e stendere panni perché ce ne sono ovunque. Le case sono bianche che piú bianche non si può, proprio come il bucato. Qui ci si abbronza soltanto per riflesso dei mattoni delle case, accecanti, totalmente.

Un tipico esemplare di maschio garganico intento nella raccolta dell’acqua della fontana, mentre posa orgoglioso e sorridente per una foto ricordo.

Le porte colorate di Monte Sant'Angelo.

I fiori e le ringhiere.

Le Ostie ripiene di mandorle caramellate, il dolce tipico.

Caciocavalli, pasta e pane. Le orecchiette come non le avevo mai viste piú colorate di cosí: al peperoncino, agli spinaci, al pomodoro e chi piú ne ha piú ne metta.

Le caciotte vendute agli angoli della strada, il carrube, i formaggi locali e le immancabili statuette di Padre Pio.

Prima di imboccare nuovamente l’autostrada, mi dirigo verso Mattinata. Non incontro nessuno per centinaia di metri, finché ad un tratto non vedo un’opera d’arte che non posso non immortalare.

Un bel cesso moderno circondato da mattoni rotti a regola d’arte e bottiglie di birra. In lontananza una sedia del periodo rinascimentale. E’ tutto molto poetico e fa pandan con il panorama marino che già si vede dall’alto nonostante l’afa renda tutto annebbiato, come l’artista dell’opera stessa.


La bandiera tricolore mi avvisa che ho toccato terra e che é arrivato anche per me il momento di fermarmi a rinfrescarmi prima di riprendere il viaggio, questa volta verso Nord.

Il rientro a casa é traumatizzante almeno quanto lo é stata la partenza. La linea Adsl é ancora off. Lezione numero zero: mai più chiamare il 187!

Ricordatevi che abbandonare gli animali é reato! Ammesso che in Italia questa parola significhi ancora qualcosa. Mi é capitato purtroppo di vederne due sull'autostrada e non godevano di buona salute. Portateli al canile se proprio siete così bastardi, ma non li buttate in mezzo alla strada!

Ingredienti

  • 300gr di orecchiette
  • una 15ina di pomodorini ciliegia
  • trito misto di pan grattato, formaggio grattugiato, prezzemolo, sale e pepe
  • 2 mazzetti di rucola selvatica
  • olio
  • basilico fresco
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 peperoncino piccante
Tagliate i pomodorini a metà e con un cucchiaino rimuovete i semi in essi contenuti. Metteteli da parte. Fate un trito composto di pan grattato, prezzemolo, formaggio grattugiato, sale e pepe e versatelo nei pomodorini. Irrorate con olio ed infornate a 200 C per 20 minuti circa o fino a quando non si saranno abbrustoliti. Fate bollire dell'acqua in una pentola e cuocete la rucola insieme alla pasta. In un'altra padella capiente soffriggete l'aglio, l'olio ed i semi di pomodoro che avete messo da parte. Quando la pasta é pronta, versatela nella padella dell'olio insieme ai pomodorini, tenendone qualcuno da parte per la guarnizione finale. Mescolate bene, aggiustate di olio ed eventualmente di sale e servite con basilico fresco e qualche altro pomodorino. Aggiungete formaggio grattugiato a piacere.

Sognando: sognare un cervello umano indica necessitá di controllo; sognare di vendere un cervello indica spese impegnative non previste.

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf

Haiku: Ronzar d'insetti - e lo stornir di fronde - unici suoni (Frank)



English please: Orecchiette with wild rocket and confit tomatoes



Ingredienti

  • 300gr orecchiette
  • 15 cherry tomatoes
  • a mixture of bread crumbs, grated cheese, parsley, salt and pepper
  • 2 bunches of wild rocket
  • olive oil
  • fresh basil leaves
  • 1 garlic clove
  • 1 small red chilly
Cut the tomatoes in half. With a teaspoon carefully remove the seeds and put aside. Fill with the mixture, drizzle with olive oil and cook in the oven at 200 C for about 20 minutes or until goldish. Cook the wild rocket with the pasta in plenty of salted water. In another pan, gently fry the garlic and chilly and the tomatoes seeds you put aside earlier. When the pasta is ready, drain it and put it back into the pan. Mix well adding confit tomatoes and reserving some to garnish. Adjust with more olive oil, add grated cheese and more tomatoes to serve.

34 comments:

  1. Stupendo come al solito.
    Un abbraccio
    Gab

    ReplyDelete
  2. Bellissimi i colori della Puglia e carezzevole il calore che emana!

    Per l'adsl: si' a volte qualche tecnico incompetente telecom stacca gli utenti dal mux, ma i problemi possono essere molteplici e prima cosa da fare e` riavviare il router e si verifica che ci sia la voce...a meno che non sia una NO FONIA, se proprio manca la portante si chiamano...oppure la portante potrebbe esserci e allora si tratta di problemi di instradamento...ma, a parte questo una domanda nasce spontanea...perche' usi quella schifezzuola di winzoz svista? :D

    ReplyDelete
  3. straordinario reportage ed i colori sono così allegri che non mi stancherei mai di giovarmene..

    e poi tu, vabbè, sei OLTRE il limite della bravura!

    ReplyDelete
  4. Mi sono talmente immerso nella lettura della nuova puntata delle 'Avventure di Fiordizucca' che, arrivato alla splendida ricetta, mi ero scordato di stare pur sempre in un food blog.

    Un vero piacere leggerti :-)
    Ciao.

    ReplyDelete
  5. stupende foto complimenti

    ReplyDelete
  6. ciao Fiore, complimenti!!!!...e poi grazie perchè mi hai fatto venire la passione della cucina!(nn sarò brava come te, ma comincio a cavarmela meglio :D )... e poi grazie perchè con questo post mi hai fatto ricordare che abito in un posto davvero unico (sono pugliese anche io) e che domani riabbraccerò la mia dolce metà "garganica", perchè torno a casa per il week-end post esame!!
    un bacio, Chiara

    ReplyDelete
  7. ciao,è da un po' che sbircio tra le tue pagine, ma è la prima volta che lascio un commento. grazie per le belle foto, sono d s.severo e dovrò aspettar ancor un mesetto per tornar a casa e..nostalgia canaglia..!

    ReplyDelete
  8. ciao, apparte che per me è un piacere ritrovare una tua ricetta, ma non posso che dirti che le tue foto sono fantastiche, qui in Svizzera quelle cose buone non ci sono o se ci sono sono molto care.ciao da Rosy

    ReplyDelete
  9. Bellissime davvero le foto!pagherei per fare una foto cosi.

    Ieri mattina stavo andando al lavoro in macchina e per poco non mi spiaccicavo contro un muro per cercare di evitare un cagnone sbucato fuori dal nulla, chiaramente abbandonato da poco.
    Io non posso tenerlo per cui sono riuscita a "piazzarlo" ad un'amica con un grande giardino. La cosa che non dimenticherò mai è stato come mi ha guardato quando sono scesa dalla macchina: dicono che sono bestie: io ho visto due occhi pieni di paura. La vera bestia è il suo vecchio padrone.

    ReplyDelete
  10. brazilian soul27/6/07 3:46 pm

    bellissimo reportage, as usual!!!
    Attendo con ansia le ricettine con pesce/molluschi/crostacei and Co.!!!

    ReplyDelete
  11. Mamma mia Francesca... che ricordi meravigliosi la Puglia !!!!!! Vieste, Peschici, la Foresta Umbra, le ostie ripiene!!... Mììììììì

    E che colori, profumi, situazioni (che con il tuo splendido taglio fotografico sai cogliere al meglio!!!)

    Qualcuna ne ho fatta anche io :-D

    http://viaggi-cucina-e-io.blogspot.com/2006/08/vieste-e-gargano-giugnoluglio-2004.html

    http://viaggi-cucina-e-io.blogspot.com/2006/08/ancora-puglia-giugno-luglio-2006.html

    ReplyDelete
  12. L'ente pugliese del turismo ti deve una bella parcella!
    ;)
    Sempre splendida... tu e anche la Puglia!
    Cri

    ReplyDelete
  13. Non sapevi che più maligno del 666 c'è il numero 187?
    E se ti dico che a casa mi son tolto il telefono fisso e allo studio ho messo Fastweb, puoi arrivare ad intuire perchè?...

    Cmq, parliamo di cose belle: il tuo servizio fotografico garganico.
    Il tuo è uno spirito da fotoreporter puro!
    Ho foto a bizzeffe di quei posti ma mai e poi mai mi sarebbe balzatoin testa di fotografare le "caciotte" in vetrina!
    Mitica!
    Certo, immaginando la quantità di foto che devi aver scattato, dev'essere stato un compito estremamente arduo scegliere le immagini da postare.
    La foto del "tipo" garganico sembra una pubblicità.

    La foto dei rami nell'acqua... FA-VO-LO-SA !!

    .... :) SoSe

    ReplyDelete
  14. Bell'episodio di vita vissuta. Ho sentito dire che le temperature in Italia stanno raggiungendo livelli inumani...non v'invidio...ma v'invidio per tutto l'aspetto naturale e culinario che sempre mi manca! Qui a Lanzarote la temperatura costante e' di 25 con piu' o meno vento:) Per quanto riguarda i cani abbandonati, non ne ho mai incontrato uno per strada per fortuna perche' se dovessi penso che comincerei s star male. Odio gli esseri umani per quello che fanno agli animali, specialmente a cani e gatti quando li abbandonano, io legherei loro al sole senza cibo e acqua sull'asfalto bollente nel bel mezzo di nulla!

    ReplyDelete
  15. Il tuo reportage, forografico e verbale, e' bellissimo! mi pare quasi di esserci stata anch'io! E si che ne avrei bisogno...

    ReplyDelete
  16. Con i tuoi racconti mi fai quasi venir voglia di rientrare ...
    Tanto di cappello per questo post! Un saluto dalla Germania, Alex

    ReplyDelete
  17. Reportage bellissimo!!! Noi quando passiamo dal nord al sud e viceversa (e questo sabato ci aspetta l'ennesimo trasloco) facciamo sempre una sosta "di ricarica" su Gargano... che posti meravigliosi... Ed è pazzesco come riesci a catturare nelle immagini i colori e lo "spirito" di queesti luoghi incantati!!!!!! Anche la ricetta non poteva essere più giusta :-)
    Un'abbraccio
    Alyssa

    ReplyDelete
  18. AAAAAAAAAAAAHHHHH Fiore!!!
    Le mie origini da parte di papà son proprio da quelle parti. Quando ho visto le ostie ripiene ho avuto un sussulto!! Le adoroooo!
    Complimenti per tutto quello che scrivi, per come lo scrivi e per le splendide foto. Come al solito leggerti è un piacere!

    ReplyDelete
  19. Magnifico post, Fiore! Appena possibile farò le orecchiette. Intanto "m'illumino d'immenso" con le tue foto e i tuoi racconti.
    Con simpatia ;)
    Anna

    ReplyDelete
  20. Complimenti .. le foto sono davvero bellissime!! Chissà com'erano buone le orecchiette :D
    Sono stata in vacanza nel Gargano .. in quei bellissimi posti .. quanti ricordi dalle tue foto :)

    ciao
    Maè

    ReplyDelete
  21. anche a me arriva sempre il benvenuto in croazia quando passo a poggio imperiale... (se pensi che succede un paio di volte alla settimana, insomma, che palle!)

    ReplyDelete
  22. La Zingara Irrequieta28/6/07 11:14 am

    ...e no basta io ti voglio come personale maestra di fotografia!!! troppo brava complimenti come sempre!!! un bacio

    ReplyDelete
  23. ciao. è da parecchio che seguo il tuo blog, perfetto sia per le ricette che per le foto.
    vorrei chiederti un'informazione. mi dici che fotocamera usi? io ho sempre fotografato con macchine analogiche, e non ne capisco niente di digitali.
    te ne sarei davvero molto, molto grata.

    ReplyDelete
  24. ciao katiuscia , uso una nikon d50.

    ....e oggi deve essere un'altra di quelle giornate tecnologicamente sfigate. ho risposto anche a tutti gli altri ma poi ho perso tutto. scusate se non riscrivo le 2000 battute perse, ma proprio non ce la faccio adesso.

    un saluto a tutti!

    ReplyDelete
  25. ciao Fiore!
    Ho riso, pensato parolacce (al lavoro non è molto decoroso dirle ad alta voce...) e rilassata man mano che procedevo con la tua lettura! Grazie, mi ci voleva proprio... e sta pasta poi! Baci!
    PS: ho pubblicato la ricetta della Torta Tenerina se ti va di farci un salto! :P

    ReplyDelete
  26. Finalmente lascio un commento - sono sempre belle le foto, pero' solo che questa volta ho visto Monte, e mio marito e' nato la' (cresciuto a Manfredonia), quindi conosco bene la citta', i suoi abitanti e i colori che sei riuscita di catturare benissimo.

    ReplyDelete
  27. voolevo stampare la ricetta di questa meravigliosa pasta con i pomodorini, ma non ci riesco, e non riesco a capire perchè, anche andando in anteprima di stampa non mi dà assolutamente niente.... tranne qualche striscia colorata... sigh

    ReplyDelete
  28. bellissime foto, bellissimo blog, bellissimo reportage,complimenti!!!
    non ho parole per chi abbandona i cani in autostrada. sarebbe giusto fare la stessa cosa a loro, senza nessuna compassione.
    benedetta

    ReplyDelete
  29. che m e r a v i g l i a !!!

    grazie di cuore per queste bellissime foto dei posti dove sono nata e cresciuta!!
    (qui a parigi e' ancora tutto grigio! sob..)
    se sei uscita a poggio imperiale e hai preso la superstrada sei passata da carpino...

    baci,
    angela

    ReplyDelete
  30. Che Meraviglia! Che sorpresa! io sono di Peschici e rivedere i luoghi che amo tanto cos� fotografati mi ha fatto sentire un tuffo al cuore! Domenica parto e ci vado per le vacanze, ma per un attimo mi � sembrato di essere gi� li!Sei davvero bravissima! Sia nella fotografia che nella cucina! Grande Fiore!!!!
    Rosanna

    ReplyDelete
  31. Mamma mia quanti ricordi che mi hai riportato alla memoria con questo post!!
    Sul Gargano ci sono stata qualche anno fa ... mio zio ha sposato una signora di San Giovanni Rotondo ed ora vive lì con lei ... quando sono andata al loro matrimonio ho approfittato dell'occasione per girarmi tutto lo sperone d'Italia(isole Tremiti comprese) ... una vacanza indimenticabile ... per suoni, colori, tradizioni e PROFUMI! Sai che ti dico?
    Quasi quasi quest'estate faccio un salto a trovare lo zietto :o)
    Ciao ciao

    ReplyDelete
  32. dev essere molto buona...
    anche io questa estate ho fatto tante paste (finche ero in italia ) con i pomodorini ripieni al forno...
    a volte semplici e a volte con un goccio di panna per legare...

    certo che le tue ricette sono sempre magnifiche!!

    ciao!!!!!

    ReplyDelete
  33. Grazie! Mi hai fatto rivivere una splendida giornata nella Foresta Umbra...un'altra la avevo vissuta in camper, con i miei bambini nel 1982! e proprio in quella zona Pic Nic di cui c'è la foto!
    Grazie, per l'emozione di un ricordo che era sopito in mezzo a tanti altri e che è riaffiorato in tutta la sua forza e la sua bellezza, con il rimpianto dei bei tempi andati, quando ero giovane e anche la mia famiglia lo era!
    Merì

    ReplyDelete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...