Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

25 September 2007



Il momento che aspettavo con tanta attesa era proprio questo. Uno dei momenti: quello di andare a raccogliere (di far raccogliere) i fichi d'india e farne una confettura. Non avevo mai fatto una confettura di fichi d'india prima d'ora e m'incuriosiva molto l'idea. Già quando ero in Inghilterra dicevo a mia madre che se fossi stata lì durante i mesi estivi, avremmo dovuto fare questa cosa. Lei era un po' perplessa, di solito i fichi d'india ce li siamo sempre mangiati vivi. Poi la zia ha provato a fare la sua e le è venuta un po' liquida e forse il gusto ci ha perso un po', però è servito a me per migliorare e per usare alcuni accorgimenti che tutte le ricette necessitano prima di essere perfezionate.



Allora la scorsa settimana, appunto, sono stata in Puglia e ho chiesto a mio padre di raccoglierne un bel secchio pieno, che mi sarei portata a casa. Papà ha questo attrezzo speciale al quale ha collegato un bastone lungo per arrivare fino in alto. Non so come si chiama ma è una roba di ferro che ha due grandezze diverse da un lato e dall'altro, a forma di cono. Il fattapposta ti permette di agguantare il fico d'india e con una botta di mano di staccarlo dalla pianta, senza dover usare scale o guanti particolari. Ovviamente le precauzioni non sono mai abbastanza perché anche durante questa innocua operazione, le spine dei fichi schizzano a destra e a sinistra ed è quindi bene ripararsi, specie se se ne raccolgono a kili.



Come spesso accade, mi soffermo a pensare alle meraviglie della natura, sempre così perfetta e generosa, che ci regala cose straordinarie anche dove non oseremmo pensare che ci siano. Proprio nel fico d'India, così spinoso e all'apparenza ostico, si nasconde un frutto dolce e delicato, tutt'altro che aggressivo infatti. L'unica cosa un po' fastidiosa sono i semini, ma anche quelli se ingeriti in dosi non eccessive, non disturbano più di tanto. La pianta in sé è originaria del Messico ma attraverso tutto un giro pazzesco (che ovviamente non conosco) è arrivata persino in Puglia e ovviamente in altre parti d'Italia. Spesso capita di vedere tante piante lasciate al loro destino senza nessuno che raccolga i loro frutti ed è un vero peccato, soprattutto perché è tutta roba gratis!



Per pulire i fichi ci vuole solo un po' di pratica ma una volta presa la mano il tutto è molto semplice. Basta un coltello e una forchetta e tanta attenzione alle minuscole spine che sembrano non esserci ma ci sono. Io dopo 5 giorni dalla confettura me le ritrovo ogni tanto sulle mani, quelle che sono volate durante gli spostamenti delle buste quando ancora non erano in acqua.



All'inizio pensavo di fare una confettura con i semi inclusi, ma poi ho notato che erano davvero tanti e così ho cercato di eliminarli quasi tutti e ne ho lasciati giusto alcuni perché senza non mi pareva confettura di fichi d'india ma una cosa arancione come tante. Inoltre in ogni vasetto ho aggiunto una metà di fico prima di versare la confettura, ma ovviamente è facoltativo. C'è chi inoltre aggiunge spezie varie tra cui la cannella o il limone, ma io ho preferito lasciarla al naturale che mi sembra esalti di più la naturalezza del frutto.
Il risultato mi sembra migliore delle aspettative. La confettura è delicata, del resto il fico in sé crudo non ha un forte sapore, è perfetta per la colazione anche per chi come me non ama le confetture in generale, specie se dolcificate in abbondanza. Ovviamente anche questo, tutto my father, biologic!

Ingredienti

4kg di fichi d'india interi, non sbucciati
800gr di zucchero

Mettete i fichi interi in una pentola capiente, copriteli d'acqua e lasciateli a mollo per circa 1 ora. Eliminate l'acqua e mettete la pentola sul fuoco a fiamma bassa. Cuocete, senza aggiunta di acqua e a pentola coperta, per circa 15 minuti. In questo modo ammorbidirete le spine rimaste e sarà più semplice sbucciare i fichi.
Toglieteli quindi dalla pentola ed iniziate a sbucciarli utilizzando coltello e forchetta. Una volta puliti, passate i fichi con il passatutto per eliminare i semini in esso contenuti. Otterrete così un composto molto liquido. Pesatelo ed aggiungete 500gr di zucchero per ogni Kilo e 500gr di liquido ottenuto. Da 4kg di fichi ho ottenuto circa 2kg e 400gr di liquido ai quali ho aggiunto 800gr di zucchero.
Mettete questo liquido in una padella capiente e versate lo zucchero. Mescolate bene e cuocete a fiamma media e senza coperchio fino a quando non avrete ottenuto un composto abbastanza denso, per circa 1 ora, 1 ora e mezza. Il composto deve quasi dimezzarsi per fare evaporare tutta l'acqua in eccesso.
Invasate in vasetti di vetro sterilizzati, chiudete ermeticamente e capovolgete i vasetti coprendoli con una coperta, fino al loro raffreddamento.

Sognando: sognare fichi d'india indica viaggio di piacere.

La regola è marmellata domani e marmellata ieri, ma mai marmellata oggi. (Lewis Carroll)

Archiviando: clicca qui per scaricare questa ricetta in formato .pdf



English please: Indian Fig Preserve



Ingredients

4kg whole fichi d'india, not peeled
800gr sugar

Put the figs in a big pan, cover with water and leave to stand for about 1 hour. Drain from the water and put the pan on the gas, cover with a lid and cook at low temperature for about 15 minutes. This allows the stings to soften so that it will be easier to peel the figs.
Remove the figs from the pan and start peeling them with a fork and a knife, as shown in the pictures above. Once peeled, pass them through a foodmill (passatutto) so to remove all the seeds. You will then get something a bit liquid. Weight it and add 500gr of sugar for each 1 Kg e 500gr. I have gained 2 Kg and 400gr of liquid from my initial 4kg and I have added to mine, 800gr of sugar.
Put this liquid in a pan and pour the sugar. Mix well and cook at medium temperature without a lid, until it has reached a thick consistence for about 1 hour or 1 hour and half. Pour into sterilized jars, close, put them upside down, cover with a blanket and leave to cool.

31 comments:

  1. Ciao Fra,
    che meraviglia e che colori..
    hai passato davvero delle magnifiche vacanze.
    un bacio

    ReplyDelete
  2. io nemmeno amo troppo le confetture troppo dolci.. e questa è molto, molto interessante! che colori vividi!

    ReplyDelete
  3. Bellissime queste foto...quando ero in Puglia pure io ho fatto tante foto dei fichi d'India...e poi una specie di "vinaigrette" per le insalate sul mio blog.

    Però i colori nelle tue foto sono proprio splendidi. Complimenti!!

    ReplyDelete
  4. Ancora una chicca dal Father Biologic: grandioso il "fattapposta" :-D
    La confettura la vedo molto bene anche su un caprino o sulla ricotta :-D
    A Stromboli ce n'erano a migliaia, e pensare che li vendevano a peso d'oro nei negozi di frutta!!!
    Brava!!!

    ReplyDelete
  5. I fichi d'india che si trovano nel nord d'italia sono praticamente immangiabili, maturati nei cassoni dei camion.

    Al contrario, il colore di questa confettura ha proprio il sole dentro, quello che si intuisce dalle foto nel momento della raccolta. E che cielo :)

    ReplyDelete
  6. i think it will be close to impossible to find (and afford!) 4kg of these delicious looking figs :)

    ReplyDelete
  7. frank , se penso che li dovete pagare mi vengono un po' i brividi perché io non credo di averli mai comprati. una volta mi pare di averli visti in Inghilterra ma mi sono guardata bene dal prenderli perché probabilmente sarebbero stati uguali ai tuoi! :) un vero peccato però, per un frutto che nasce spontaneo e che si riproduce naturalmente. questi in particolare nella foto li aveva piantati mio nonno al tempo. è bastata una piccola pianta per farne crescere ovunque in giro nel campo, adesso se ne potrebbero raccogliere centinaia di chili.

    jajo , ottima idea, proverò con il caprino perché è più saporito mentre con la ricotta che è già dolce ho paura che non ci vada tanto a nozze.

    sara , vinaigrette di fichi d'india? vengo a vedere! :)

    ciao adina grazie. quelle dolci mi spaccano i denti e non sanno di niente, ovvio che la banalità è che in quelle fatte in casa sai esattamente cosa c'è dentro :)

    ciao filippo ogni volta che vado dai miei è vacanza per me, è l'unico posto dove ritrovo davvero me stessa. baci

    ReplyDelete
  8. andreea , im afraid it would also be too expensive to send 4kg of these, considering the italian postal service, you would get them next year! :) but you can always come to Italy and I'll be glad to provide as many as you need :D

    ReplyDelete
  9. tbz_from_criteo25/9/07 12:50 pm

    Ciao,

    mi chiamo tobia e lavoro per una giovane agenzia parigina che sviluppa prodotti per bloggers, ti scrivo per contribuire alla tua favolosa confettura e per farti conoscere un widget, Autoroll, che sto cercando di diffondere nella blogosfera italiana;

    quindi, consiglio riguardo alla raccolta dello spinosissimo fico d'india: in sardegna o comunque nella mia famiglia è usanza raccogliere i fichi d’india solo successivamente un temporale: l’acqua infatti fa si che 'le minuscole spine che sembrano non esserci ma ci sono', le più odiose, cadano al suolo rendendo il fico molto meno pericoloso.

    Bene è l’ora della spam, ops, di Autoroll, dunque, Autoroll si propone di creare una comunità complementare di bloggers con affinità e interessi in comune, offre a chi lo utilizza un bacino di utenti potenzialmente interessato ai contenuti proposti, consente ai piccoli blogs poco conosciuti di farsi strada nella rete e incorpora un interessante strumento per monitorare il traffico del proprio blog.

    Autoroll mostra i 10 Blogs più seguiti dai tuoi lettori tra i blogs che hanno installato il widget. La lista è in costante evoluzione e segue automaticamente le preferenze dei tuoi visitatori.Sarei entusiasta se tu volessi provare il widget, mi daresti un iportante aiuto nel far conoscere Autoroll alla blogosfera italiana e sono sicuro che possa diventare un utile strumento anche per te.

    A fine mese uscirà la Beta 3 di Autoroll con vari upgrades... non vorrei approfittarmi eccessivamente della tua pazienza, se vorrai ulteriori chiarimenti o spiegazioni sentiti libera di contattarmi, sarò felice di darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

    Serve solo un minuto per installarlo e ti puoi registrare al seguente indirizzo: http://widget.criteo.com/

    (Ci vogliono almeno un paio di giorni/una settimana perchè il traffico sia analizzato e perchè i dati siano coerenti),

    ti ringrazio per la cortese attenzione e spero di ricevere presto un tuo commento,

    buona giornata e buon blog,

    e complimenti per le ricette, cambieranno la mia vita parigina che stava ormai diventando monotematica in cucina,

    tobia

    t.omero@criteo.com

    ReplyDelete
  10. Bello il post, magnifiche le foto. Non so se mai riuscirò a preparare questa confettura, perché solo da voi ci sono fichi d'India così belli e gustosi! La Puglia (o le Puglie?), grande in tutto! Complimenti anche al "papà biologico".

    ReplyDelete
  11. tobia , ma non era meglio una bella email?

    ciao anna , nelle campagne romane niente fichi d'India? :)

    ReplyDelete
  12. Sì, anche da noi ci sono fichi d'india, ma il sapore a me non sembra così "pieno" (non saprei come definirlo meglio...), come quello che ho potuto apprezzare nella campagna pugliese. Qui li prendo al mercato ma, non so se dipenda dal momento della raccolta, a volte sono farinosi, poco saporiti!

    ReplyDelete
  13. Che buoni i fichi d'india... mi piacciono un sacco. Ma sai che non avevo mai visto lo strumento per racoglierli... non sapevo si facesse così.
    Grazie per la bellissima ricetta e le splendide foto.
    Ciao.

    ReplyDelete
  14. meraviglia, adoro le marmellate e le confetture.
    se potessi mi nutrirei solo di quelle...e di fragole...e di pomodori.. okei, ritiro la mia prima dichiarazione!
    adorando la frutta adoro i fichi d'india,maquelli che trovo qui sono...come dire...scialbetti, insipidi. difatti non ne compro piu'.
    pero' che invidia vedere quelle piante tutte piene....aaaah!|
    bellissime foto( e ricetta,of cuorse:-))

    sara

    ReplyDelete
  15. Proprio ieri ho dovuto fare una gelatina di fichi d'india perchè mia mamma li ha presi per poi accorgersi che non le piacciono! La gelatina non è venuta gran che...mi sa che una marmellata come la tua sarebbe venuta molto meglio! Foto bellissime come sempre :)

    ReplyDelete
  16. Mi aggiungo anch'io ai complimenti per le foto e alla voglia di assaggiare questa marmellata!! :P
    Bacioni!

    ReplyDelete
  17. E' vero, ora che mi ci fai pensare, neanche a casa mia abbiamo mai comprato i fichi d'india!! ^_^
    Sono ovunque e lì per tutti!
    E poi quelli della nostra generosa Puglia sono proprio buoni! ^_^
    Io ques'anno me li sono persi...sarà per il prossimo! Per l'intanto posso dire alla Rosi (mai mader ^_^) di fare questa confettura!

    kus ^.^

    ReplyDelete
  18. Salve Fiore,
    ti abbiamo coinvolto in un MeMe!
    Se ti va e se ti stuzzica è tutto scritto qui:
    http://maialeubriaco.blogspot.com/2007/09/come-ti-rovino-il-meme.html

    Un saluto
    I Maiali

    ReplyDelete
  19. wow, che belle foto!
    ma il father biologic è anche un po' leonardish! complimenti per il "fattapposta"!

    ReplyDelete
  20. Fantastica la confettura di fichi d'india, ne ho preso un barattolo in Sicilia quest'estate ed è davvero spettacolare! Io l'ho abbinata al matcha cake!!
    http://essenzaindivisibile.wordpress.com/2007/08/30/matcha-cake-quasisiculo/
    per quanto riguarda il vino cotto(in realtà noi lo chiamiamo il mosto cotto ma non sono sicura sia la stessa identica cosa) si aggiunge al ripieno dei cavicionetti (dolci tipici abruzzesi natalizi) che di solito si riempiono con la scrucchiata (marmellata d'uva). Oppure si aggiunge nelle crostate farcite appunto di questa stessa marmellata!Il mosto cotto si mette anche nei "celli pieni"!! :) Spero di esserti stata d'aiuto Fiore!

    ReplyDelete
  21. excalibur , il mosto cotto è fatto con l'uva appunto, credo siano due cose diverse. però dovresti farmi un corso accelerato di dolci tipici abruzzesi perché i nomi che hai elencato mi dicono ben poco. grazie comunque :D

    chaosanddreams , leonardish? what do u mean? ^_^

    maiali ! è il caso di dire si :D adoro i meme almeno quanto voi! veramente ho fatto vedere tanti di quei pezzi di me in questi due anni che non so bene cosa altro mostrare :D ma grazie per l'invito, (a buon rendere) se mi viene in mente qualcosa lo vedrete su questi schermi :D

    fabdo , infatti i fichi d'India vanno raccolti finché è stagione perché poi diventano troppo maturi o troppo farinosi. sarà per la prossima volta? :D kusjes!

    gata , ^_^ grazie

    magie , hai aggiunto delle spezie, o gelatina semplice?

    sara , il brutto è che poi qualche kilo di fichi resta attaccato comunque a quelle piante, mangiarseli tutti è davvero troppo! poi si fa a gara a chi NON li vuole pulire per via delle spine :D io mi diverto anche con le spine ovunque ^_^

    orchidea , il fattapposta per raccoglierli è una cosa artigianale che fanno gli stagnini (lattonieri in italiano). un doppio cono attaccato al rovescio e collegato ad un bastone, anche di scopa :) grazie a te.

    anna , certe volte quelli in commercio vengono raccolti molto prima del loro tempo e poi tra sbalzi di temperature e trasporto perdono di freschezza. ti aspetto in puglia anche a te allora :D magari la prossima volta si organizza una spedizione per raccolta fichi d'india. :D

    ReplyDelete
  22. Come ti avevo detto in un precedente commento noi il vino cotto lo facciamo solo con l'uva (e di conseguenza il mosto!), diverso da quello postato da te fatto con i fichi!!Per il corso accelerato non mi sento molto all'altezza, sono dolci che fa mia madre e che purtroppo non mi ha insegnato uffa! :)

    ReplyDelete
  23. L'anno prossimo, intendo...Se scendiamo nel periodo giusto per goderceli! :p

    groetjes ^.^

    ReplyDelete
  24. sorry, doveva essere leonardiano! non ero ancora andata a dormire...

    ReplyDelete
  25. In Portogallo ci sono, sopratutto al sud, ad Algarve, e in isola di Madeira. Sono le "pitas" o i “tabaibos” (Madeira). Se li prendi a mano com le guante, o con una tenaglia in legno.
    Rarissimo vederli in vendita, e non c´è tradizione di fare la confettura con essi. Perciò la mia meraviglia. :) Puri il fattapposta è magnifico; mai visto da me. E direi, da queste parti.
    Ho rubato una delle tue bellissime foto, che fa il link. Grazie. Ciao.

    ReplyDelete
  26. errata: pure e non puri, anche se sia di pura bellezza...:)

    ReplyDelete
  27. this looks so deliscious! i love cactus pears and can't wait to try this...mille grazie!

    ReplyDelete
  28. Hola!
    soy mallorquina que vivo en Espana,alicante y soy japonesa.
    he venido primera vez a su blog!sus todas las resetas son muy bonitas! ademas sus fotos son muy muy bonitos!! me encantan sus fotos!
    yo tambien tengo un blog sobre fotos,comidas y varias.
    si pueda ver mi blog, porfavol lo mire.

    hasta lueg!

    ReplyDelete
  29. wow..non vedo l'ora di provare..lo sai che anche qui in brasile ci sono i fichi(fortunatamente ci sono tutte le frutte,o la maggior parte delle frutte tutto l'anno)ma pochi li mangiano,io come ho le mie origini arabi li mangio volentieri,ma non mi è mai venuta in mente l'idea di fare una confitura..come di solito sei stata molto brava,complimenti fiore:))a presto

    ReplyDelete
  30. Ciao,
    Navigando in rete mi sono imbattuta, per puro caso, in questa foto. Ricordavo fosse tua perché mi colpì particolarmente. Magari l'hai autorizzata tu, in caso contrario mi sembrava corretto almeno segnalartelo. :)

    Un caro saluto...

    Ele :)

    ReplyDelete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...