Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

28 September 2006



L'autunno é sbocciato come una rondine a primavera. Il grigiume ci sovrasta, la pioggia ci lava, é la stagione, passerá. Ma finalmente anche per noi é arrivato il momento di andare a raccogliere le more. Quest'anno non eravamo soli, con noi c'erano anche Anto e Gab ed il raccolto é stato ricco. Per conservare il profumo ed i colori di questo autunno anche in inverno, ho fatto questa marmellata di more che, dopo quella alle arance di Seviglia, é diventata la mia preferita. Personalmente non amo le marmellate perché sono troppo dolci per i miei denti e non ho la santa abitudine di fare colazione perché, proprio come un'abitudine, se non ce l'hai non ci riesci, a fartela (l'abitudine). Invece questa ha poco zucchero e la tollero perfettamente e l'abitudine é diventata un piacere.



So che molti usano zuccheri appositi per fare le marmellate, ma io preferisco farla come la faceva mia nonna e come la fa ancora mia madre, con lo zucchero, perché é cosí che l'ho sempre vista fare. L'anno scorso ci siamo deliziati con una torta di more in versione vegana, alcune le abbiamo messe sotto spirito, altre le abbiamo mangiate al cucchiaio con i cranberries.

Ingredienti: 1kg di more, 500gr di zucchero, mezzo bicchiere di acqua, il succo di 1 limone

Raccogliete delle belle more con le vostre manine, possibilmente belle sode in modo che durante la cottura non si spappolino completamente ma alcune restino intere. Anche l'occhio vuole la sua parte. Lavate bene e lasciatele scolare per un'oretta.
Mettetele in una pentola capiente con mezzo bicchiere d'acqua e lasciate macerare cosí a fuoco basso per 10 minuti. A questo punto potete decidere se passare le more per tritare i piccoli semini oppure continuare con la cottura. Se volete quindi, fate raffreddare un pochino e passate questo composto nel passaverdure. Riportate in pentola e procedete aggiungendo il succo di 1 limone e lo zucchero. Mescolate bene, portate ad ebollizione a fiamma viva ma non altissima. Fate cuocere per un totale di 30/40 minuti circa, schiumando con una schiumarola fino a quando la schiuma smetterá di formarsi. Continuate a cuocere piú o meno a seconda della consistenza che desiderate. A me non piace molto densa quindi per me sono stati sufficienti 30 minuti circa. Considerate che durante il raffreddamento la marmellata si solidifica un po' di suo.
Sterilizzate i vasetti di vetro facendoli bollire in acqua calda. Scolateli poco prima di invasare. Invasate la marmellata ancora ben calda e chiudete subito i vasetti ermeticamente. Capovolgeteli e metteteli sotto una copertina. Lasciateli capovolti per 4 o 5 ore e poi ricapovolgeteli lasciandoli sotto la coperta fino a quando non si saranno raffredati completamente ed avranno formato il sottovuoto. In questo modo la marmellata non necessita di bagnomaria. Una volta aperto il barattolino, conservate in frigo.



Sognando: sognare marmellata indica piacevoli sorprese e nuove scoperte; sognare di fare la marmellata indica che avrete o state avendo un periodo felice; sognare di spalmare marmellata indica che avete troppe responsabilitá e dovete imparare a dire di no.

Naturalmente: Le more (Rubus fruticosus, ulmifolius) sono i frutti del rovo, arbusto di cui ne esistono varie specie. Sono bacche ricche di tannini, zuccheri, pectina, provitamina A, vitamina C, acidi organici (citrico, lattico, ossalico, succinico, salicilico), sali minerali di potassio, ferro e rame. Il loro succo oltre che delizioso al palato ha anche proprietà astringenti per l'apparato digerente, rinfrescanti e tonificanti, ottimo ricostituente in caso di febbre ed influenza, aiuta a combattere la fragilità capillare, anemia, ritenzione idrica, mal di gola e infiammazioni alla bocca.

Haiku: Colsi la mora - per gustarla nel bosco - era matura (Frank)
Frutto di bosco - protetto dalle spine - la nera mora
(Pib)



English please: Blackberry Jam



Finally we have been able to go out and pick up some free delicious food. More! Blackberries! Yes, in Italian the word more means blackberries, plural, mora blackberry, singular. Last year we had them in a few different ways but didn't make the jam (non mi ricordo perché, can't remember why!). I like how it has come out, as I don't usually like jams in general, they are too sweet for me. This recipe instead uses little sugar and I can tollerate it very well, so much that I am taking the habit di fare colazione al mattino, to have breakfast in the morning! It's really easy and it's free, so go out this weekend and prova anche tu! Try it!

Ingredients: 1kg blackberry, 500gr sugar, 1/2 glass of water, juice of 1 lemon

Pick up some good blackberry possibly not too ripe so they won't lose their consistency during cooking time. Wash them very well and drain for an hour at least.
Put them in a big saucepan with half glass of water and let them cook slowly for about 10 minutes. This is the right time to act if you want to get rid of those little seed. Let cool the blackberry a little bit, then mash them with a vegetable masher and put them back in the saucepan. I have skipped this passage though and kept cooking my jam. Add then sugar and lemon juice, mix well and start boiling at a medium temperature. Let cook for a total of 30/40 minutes, scumming all the way until there is no more. Let cook until you reach the right consistency for you. I personally don't like it too thick, so 30 minutes were enough for me. Consider that the jam will get thicker as it cools down.



Sterilize the jars by boiling them in hot water. Or prepare hot boiling water from the kettle, fill the jars and leave them for at least 20 minutes. Remove the water and put them upside down only a few minutes before you are using them so that they stay sterilized all the way through until you are ready to fill them with jam. Pour the jam when is still very hot. Close them ermetically and put them upside down under a blanket. Leave them to cool for at least 4/5 hours, then put them straight and leave to cool completely always under a blanket. This way the sterilization will happen gradually and you don't need to boil the jars afterwards. Just remember to refrigerate the jam after opening.

31 comments:

  1. questa volta ti ho battuta sul tempo: mamma l'ha fatta già due volte..a meno che queste non siano foto di repertorio!

    è buona in entrambe le versioni:
    ben passata ti sembra ti mangiare velluto, con i semini respiri l'odore del bosco!


    buona giornata.

    ReplyDelete
  2. sono più quelle raccolte o quelle mangiate sul posto?

    buona giornata nebulosa

    ReplyDelete
  3. Buonissima, anche nella mia lista la marmellata di more sta al secondo posto, solo dopo quella di albicocche. Belle foto... come sempre.
    Ciao.

    ReplyDelete
  4. non sono foto di repertorio ape , é che al polo nord le more stanno appena maturando :)

    ciao daniela , diciamo che é andata un po' a metá la raccolta :)

    ciao orchidea , anche alle albicocche non é niente male, solo che io non l'ho mai fatta quella, qui scarseggiano le albicocche buone. baci

    ReplyDelete
  5. che ne penso? posti la ricetta della mia marmellata preferita IN ASSOLUTO e mi chiedi che ne penso? CHE TI INVIDIOOOO :)))

    ReplyDelete
  6. è vero....spesso non mi rendo conto che stai ad altre "latitudini"!

    ReplyDelete
  7. noooooooo!!!!

    LA voglio fare anche io.... ma quel disgraziato del mio boy si rifiuta di accompagnarmi nel bosco vicino casa sua a trovare le more....

    e io da sola non saprei dove andare!!!!
    ahahahahah
    la voglio!!

    ReplyDelete
  8. This comment has been removed by a blog administrator.

    ReplyDelete
  9. approposito...le macchie di more sono tutte lì! mannaggia a me che raccolgo le more con la magliettina bianca e la felpina rosa:D

    io sicuramente ne ho mangiate di più di quante ne abbia messe in busta:D

    il macello qui sopra l'ho combinato io:)ogni tanto mi dimentico di scrivere il mio nome!

    ReplyDelete
  10. uh le more..qui le trovo rara-MENTE..lamponi a iosa ma niente more...cmq concordo con te per quanto riguarda lo zucchero..meglio la tradizione

    ReplyDelete
  11. complimenti per la foto, perfettamente intonata all'header autunnale :-)

    per tulip: un non-marito a caso mi aveva promesso chili e chili di frutti di bosco presi nei boschi, appunto,in trentino, tanto ci doveva andare ad agosto. l'hai visti tu? io no, nemmeno un lamponcino piccino piccino...tutti uguali :-)

    ReplyDelete
  12. Mamma mia! io di cucina capisco poco, ma ho occhi per guardare e tanta immaginazione "sinestetica"i...
    scorrere il tuo blog, mi scatena un appetito primordiale! Davvero complimenti fiordizucca!!
    Ogni volta che passo di qui, rimango estasiata e poi corro in cucina a guardare il frigo con occhi nuovi :-)
    Annalisa
    (vado...)

    ReplyDelete
  13. qui le more sono già ghiacciate (in freezer!), molto buona la torta vegana, ma cos'è il ...ops non i ricordo il nome, una specie di concentrato di proteine vegetali?
    Per le macchie di mora e di frutto scuro (lo so fa molto donna letizia, ma i consigli della mia amica G. "bilogica" funzionano!): fate una pappina di latte e farina, stendetela sulla macchia e lasciatela asciugare, poi in lavatrice, previa strofinatura con sapone di marsiglia in barretta! funziona!specialmente sul bianco,

    ReplyDelete
  14. scusate non ho salutato cat

    ReplyDelete
  15. la famosa marmellata di more, anto mi aveva anticipato l'argomento, lasciamene un vasetto.

    ReplyDelete
  16. intanto w le more in tutti i sensi ;))
    Poi, questa domenica in campagna ne ho raccolte un po' ma non sufficienti per marmellare, quindi ce le siamo mangiare con un po' di maraschino dopo pranzo Bone;P
    Per me questo è l'anno della marmellata di mele, dopo la prima trance fatta ad agosto questa domenica c'è una cassetta di mele colte sempre in campagna che mi aspetta in corridoio! Poi vedrai:)
    ciao e buon finesettimana

    ReplyDelete
  17. Quando, noi e il mondo, eravamo più giovani, andavamo a fare la nostra passeggiata da innamorati in un sentiero tra i boschi vicino ad un bellissimo castello. Era pieno di more e dacevamo delle buonissime marmellate ma... ci hanno fatto una strada :-(
    Che belle le tue marmellate, che bei ricordi
    Remy

    ReplyDelete
  18. Dio che buone le more!!!questa è l'unica marmellata che mangio!quest'anno purtroppo non sono andata a racoglierle!...me ne lasci un vasetto?Baci

    ReplyDelete
  19. Stiamo facendo alcune verifiche.
    A dispetto di ciò che dice il vocabolario, secondo alcuni vecchi tecnici, la marmellata dovrebbe chiamarsi così solo se di agrumi (limoni, arance, ecc). Il nome corretto, sarebbe confettura, in tutti gli altri casi.

    Pare, però, che questa differenziazione si stia un po' perdendendo. Ho messo in pista alcuni amici per tentare come stanno le cose.

    Anche a Squisito 2006, alcuni produttori erano d'accordo, altri no.
    Bohhhh!

    ReplyDelete
  20. fradefra usa la terminologia giusta...
    ma in italia si usa per lo più marmellata per tutto,
    parlo ovviamente del parlato...
    perchè se vai al supermercato, su quella di more albicocche, etc, c'è scritto confettura!!

    ReplyDelete
  21. io invece so, che si chiama "confettura" quando contiene della frutta a pezzettoni.

    ReplyDelete
  22. Ciao, ti ho scoperta lunedì cercando una semplice ricetta su google e non smetto di leggerti.
    Trovo il tuo sito bellissimo, colorato e mai banale.
    Ho trovato il "coraggio" di scriverti perchè domenica sono prorpio andata a cercar more con il mio Lui, visto che di funghi nemmeno l'ombra. E mentre riempivamo il cestino, Lui ha fatto un balzo verso di me dicendomi di stare ferma che c'era una vipera su di un rovo. Non sai lo spavento. Sono corsa più in fretta che potevo per il sentiero e mi sono ritrovata in casa chiusa con mezzo panierino appena. Uffa.
    Anch'io volevo far la marmellata.
    Ma con così poche more...e poi le ho in frigo da domenica sera...le dovrei buttare via, che dici?
    Complimenti ancora e a presto..
    Caoticadentro

    ReplyDelete
  23. brava, ti seguo da tempo e solo ora, da neo blogger, azzardo il commento che è solo e semplicemnte BRA-VA!

    ReplyDelete
  24. anch'io bloggo da poco, ma il tuo blog fiore è stupendo!!!
    aaaah la marmellata...sul panino!!! poi credo che quella di more sia quella che rilasci maggiormente il profumo del bosco!!!
    un bacio

    ReplyDelete
  25. da principiante, provo un haiku: giunge l'ora - intensamente - della scura mora.

    ReplyDelete
  26. buone le more ma io preferisco i lamponi, ci sono da te? Mi fano impazzire.
    :-))

    ReplyDelete
  27. Ciao...devo dire che ho avuto un'ottima idea ieri a comprare i fiori di zucca! così in questa uggiosa domenica milanese ho potuto imbattermi nel tuo capolavoro! I complimenti non sono mai troppi, quindi permettimi di aggiungere il mio!

    ReplyDelete
  28. Io ho avuto la fortuna di poterla assaggiare, la tua marmellata di arance amare di Seviglia. Ancora la ricordo con molta nostalgia :-)
    Quanto a questa quindi voto SI, sulla fiducia ;-)
    Mi piacciono molto le more e il fatto che macchino al primo tocco, che lascino il segno, mi ha sempre intrigata molto.

    Un abbraccio ormai pugliese meringhetta, a presto

    ReplyDelete
  29. acilia , questa marmellata (o come dir si voglia), é una delle mie preferite. E' la prima volta che la faccio anche e sono soddisfatta. Tanto soddisfatta che é quasi finita e quindi questo weekend spero di replicare e speriamo che ne avanzi qualche vasetto da distribuire :) baci

    ciao nuelamu , grazie di essere passata. Fortunata ad avere ancora i fiori di zucca di questi tempi, qui in Inghilterra solo pochi sanno come utilizzarli ed infatti non si vendono se non andando nei campi. :)

    danielad , certo che ci sono i lamponi ma non allo stato selvatico e quindi costano molto da queste parti, troppo per i miei gusti :)

    ciao manuel , bel tentativo ma ho paura che ci siano un paio di errori di prosa. la regola é 5-7-5 :)

    ciao alice , benvenuta nel mondo dei blog allora! :) in effetti é come hai detto tu, c'é tutto il profumo ed il ricordo di una giornata di sole autunnale a ridorso del mare :)

    ciao rg , benvenuto e grazie :)

    ciao caoticadentro , :) scusa per il ritardo con cui ti rispondo. che fine hanno fatto quelle more? forse meglio indossare stivali alti la prossima volta :)

    fradefra , hai ragione io non ho mai ben compreso la differenza ma immagino che ci sia e sia ben definita, tranne che forse ultimamente tutto fa brodo ma se si vuole essere precisi allora meglio informarsi :) fammi sapere qual'é il verdetto finale di questa verifica :)

    saffron , te ne lascio un vasetto si. mandami il tuo indirizzo :)

    ciao Remy , triste questa cosa della strada, ma ci saranno altri posti spero dove andare a raccogliere :) baci

    ciao francy , non ho mai fatto la marmellata di mele, ma se vuoi baratto volentieri con uno di more :) baci

    andrea , non so se avanza, ma il tuo vasetto l'ho dato al compare, vedi un po' se te ne fa avanzare! :)

    ciao cat , l'Ener-g in sostanza la marca del sostituto per le uova. é una polvere composta da principi addensati che sostituiscono le uova. per molte cose funziona benissimo, per altre in cui é richiesta una spuma gonfia, funziona meno. in ogni caso ottimo per ridurre la quantitá di uova ingerite.
    grazie per il tuo consiglio della nonna. il sapone di marsiglia secondo me fa la differenza anche senza pappetta. peccato che qui é difficile da trovare :)

    ciao Annalisa , grazie mille di essere passata e di aver lasciato un saluto. e' sempre bello conoscere chi passa di qui :)

    ciao sil , grazie :)

    Pib , forse solo una questione di scelta la mia o forse il timore che con questi sostituti dello zucchero il risultato non sia lo stesso. in ogni caso varrebbe la pena di sperimentare un giorno :)

    ciao zora , se tutto va bene questo weekend si replica perché mi pare che questa marmellata stia andando a ruba! :) baci

    tulip , non ti preoccupare, metteró da parte un vasetto anche per te :) baci

    ciao nanna , a quanto pare la marmellata di more é la piú ricercata! e chi l'avrebbe mai detto :)

    ReplyDelete
  30. già! e sai quale altra marmellata che le assomiglia parecchio è assolutamente deliziosa? quella di gelsi neri! quest'estate a casa dei miei ne ho trovato un vasetto proveniente dalla sicilia: un'estasi. Peccato che sia finita e che in giro non se ne trovi, ma su internet magari.. devo cercare!

    ReplyDelete
  31. Hey F., thanks for the lovely recipe, it came in very handy after picking up a few blackberries on the way to Greystones (Ireland).
    I only got 2 jam jars out of the whole harvest but they look pretty good and the making of it was pretty simple and enjoyable.
    Cool blog as well, I like the combination of flavours of your recipes, just what I needed for the type of ingredients I can get me hands on here: a nice fusion of home and away...
    Thanks again, G.

    http://www.versography.blogspot.com/

    ReplyDelete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...