Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

9 March 2006



La foto parla da sé. Che altro devo aggiungere? L'ispirazione per questa focaccia arriva innanzitutto dai vostri commenti, ma anche dalla rivista che Terry mi ha inviato. A quasi fondo pagina c'è proprio la ricetta della focaccia con le patate, diciamo alla pugliese anche se poi ognuno la fa diversamente. Ed io per non essere da meno, ne ho fatta una che mette d'accordo anglosassoni e pugliesi, e non solo. Ho usato le bellissime patate dolci che hanno questo colore così naturale che fa giusto pandan con pomodori e mortadella. Ho usato una teglia quadrata da 24cm di lato, in modo che venisse bella alta da farci accomodare la mortazza in questione. La morbidezza della focaccia è eccezionale. Il gusto è quello di una normale focaccia alle patate, ma la morbidezza è superiore. I pomodorini ci stanno più che bene per evitare che il paninozzo risulti troppo secco. Non me ne vogliate, anche oggi va così!

Ingredienti
  • 250gr di semola di grano duro
  • 250gr di farina bianca
  • 400gr di patate dolci
  • 4 cucchiai di olio
  • 1 cucchiaio di lievito secco
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • 100gr di pomodorini ciliegia, origano
Il lievito che uso di solito è quello secco. Quindi lo faccio sciogliere 600ml di acqua tiepida con 1 cucchiaino di zucchero e lo metto in un posto caldo fino a quando non avrà formato le bolle. Fate bollire le patate sbucciate in acqua non salata. Passatele al passatutto o riducetele in purea con uno schiacciapatate. Versate la farina setacciata sulla spianatoia, fate un buco nel centro e versate il sale, 2 cucchiai di olio e le patate. Lavorate aggiungendo il lievito con l'acqua, quanto basta per formare una palla liscia ed omogenea. Mettetela a lievitare per 1 ora. Riprendetela sulla spianatoia, lavoratela nuovamente, poi versatela nella teglia oleata che andrete ad usare. Schiacciate bene con le nocche delle dita, versate 2 cucchiai di olio e spargetelo bene anche tra i bordi. Tagliate i pomodorini a metà ed arrangiateli schiacciando leggermente nella pasta. Salate leggermente la superficie e cospargete con un po' di origano. Mettete in un luogo caldo e fate lievitare per altri 30 minuti. Nel frattempo riscaldate il forno a 220 C. Infornate quindi la focaccia per 30 minuti o fino a quando non si sarà ben dorata e facendo attenzione che i pomodorini non si brucino. Servite tiepida o fredda.

Sognando: sognare di fare un banchetto sontuoso indica realizzazioni fruttuose; sognare di partecipare ad un banchetto indica benessere e salute.

25 comments:

  1. MA è venuta altissima...bellaaa....sembra pure sofficissima!
    Poi con le patate arancioni che trovi lì è un tripudio di colori!
    Insomma....la dai tagliata in due a ci hai infilato la mortazza dentro!
    Libidinosissima!
    Aaaahhh...quante ne ho mangiate in puglia di focacce così!

    Mi sa che Rob ogni volta che vede quello che stai combinando senza di lui...e quello che ti stai pappando.....gli viene un colpo! ;-)

    Una curiosità stelluzza...dici che il lievito lo fai sciogliere in 600ml d'acqua....è più di mezzo litro?! giusto!?...non è tanta?!
    Vabbè ...cmq sia...il risultato è eccezionale!

    Baciozzi...poi ti scrivo due righe così vedi che ho combinato io! ;-)

    Terry

    ReplyDelete
  2. Che meraviglia, FdZ! Una focaccia così non si era mai vista aldiqua e aldilà della Manica! Veniamo tutti nel Devon e apriamo una trattoria? Accetto qualsiasi mansione.
    Baci.

    ReplyDelete
  3. ciao terry ! :)
    la questione del lievito é molto semplice. se guardi bene io dico di versare acqua quanto basta. le indicazioni dei 600ml di acqua, sono quelle riportate sulla confezione del lievito che compro, per far sciogliere 1 cucchiaio di lievito. magari ne posso usare meno dici tu? tipo mezzo cucchiaio per 300ml. ma poi io m'incasinerei parecchio perché con i numero non ci so fare, quindi per non sbagliarmi uso sempre 600ml e ne utilizzo quanto me ne basta :) A volte puó capitare che ci metto piú farina di un "esatto 500gr" o meno, a seconda, quindi uno si regola di conseguenza :) poi sempre meglio attenersi alle indicazioni riportare sul proprio lievito ed in base alla propria esperienza.

    é venuta molto alta infatti, ma era proprio quello che volevo, anzi é meglio che non ci penso tanto perché a quest'ora del mattino non esiste che mi mangio un'altro pezzo!

    err..torno subito!

    frank io ci sto! tu cucini e io finalmente mi siedo e mangio? :)))

    ReplyDelete
  4. Quale onore, signora Maestra! :)

    ReplyDelete
  5. Mortazza da libidine!! Con quella focaccia poi...Ma perchè quelle patate qui non si trovano??:-(
    Che buona...e ci starebbe bene adesso che ho un languorino...:-)
    baci

    ReplyDelete
  6. senza parole...io e gab siamo estasiati! non avevo mai provato la focaccia con la semola...mi sa che è arrivato il momento! ...e il provolone?;)

    ReplyDelete
  7. Che dire: dopo aver ricevuto la tua marmellata, e dopo aver versato la prima lacrimuccia, adesso è vera commozione :-)
    Questa fotografia ha l'odore della nostra terra e della nostra infanzia...
    Che meraviglia.
    Questa è Poesia!

    ReplyDelete
  8. Oh si si, ha ragione Acilia, questa è poesia bella e buona, sofficissima fragrante poesia.
    Grazie ! Kat

    ReplyDelete
  9. Mi avanza giusto un poco di semola in dispensa, proverò!

    Saluti

    Omar

    ReplyDelete
  10. frank non fare lo spiritoso sennó ti bacchetto! :)) ahahah (*_*)

    ciao sandrina ! hai guardato bene a porta pila? :))

    zora pora miseria ho dimenticato il provolone!! ora mi toccherá mangiarne un'altra fetta! :)

    acilia sono contenta che la marmellata ti sia piaciuta :) dai che tra poco ce la mangiamo insieme una focaccia cosí! :)

    ciao kat :) grazie a te! come sono andati gli esami del sangue di Remy? :))

    Omar , con la semola la pasta é molto piú maneggiabile e solitamente viene anche piú morbida anche se non si mettono le patate. a casa mia di solito mischiamo sempre :)

    ReplyDelete
  11. La focaccia con i pomodorini non fa parte della mia infanzia, ma di un periodo ugualmente bello e a Bari avevo trovato un posto dove la facevano ottima (con farina di grano) ed anche questa ricetta (della "ex-suocera") mi son persa. Ricordo solo che ci metteva piu' acqua del normale cosicche', lievitando, la pasta veniva morbida e con tanti buchi...io la adoro cosi' come e` e la mortazza la riservo per la pizza bianca alla pala che fanno a Roma (mai trovata altrove cosi').

    Che fame!

    ReplyDelete
  12. Scribacchini9/3/06 8:41 pm

    Cara vampira, dati i ritmi geologici della sanità italiana, il povero Remy dovrà attendere ancora qualche giorno per sapere se nelle sue vene c'è più mortadella o più emoglobina ;-) Immagino vi abbia già detto che la sua dottora è giovane e bionda. Riesce a fargli fare le diete che io manco morta. Baciotti.
    Kat

    ReplyDelete
  13. Che strano essere da questa parte del blog. Di solito mi pappo tutte queste cose, ora le guardo. La foto e' bella ma quella che hai mandato a me era uno spettacolo. Tant'e' che quando l'ho ricevuta ho esclamato un: "bas....a" Era detto in senso buono, nel senso che ricevere una foto cosi' all'ora di pranzo nel mezzo di una conferenza quando fuori mi aspetta una pizzahut con cheese and pepperoni mi ha colpito diritto allo stomaco :-)
    Non vedo l'ora di tornare a casa.

    Ma non per la pizza.

    ReplyDelete
  14. naturalmente mi unisco al coro di complimenti:)
    certe volte scrive delle cose sugli abbianmenti che mi sembri una stilista di moda che una cuoca:))
    effettivamente cucinare è molto bello e mi piace molto, ma quanto si sta in piedi!!
    brava fiore cioa e buona giornata

    ps. che romantico che è il tuo rob;)

    ReplyDelete
  15. ciao ely ! tante volte uno perde tempo in fronzoli, dalle suocere bisognere almeno rubare le ricette prima di abbandonarle! :))

    kat , non sapevo della bella e bionda dottoressa. e dire che Remy sembrava disperato all'idea di fare le analisi! tutta scena eh! per depistare :) per fortuna che le dottoresse qui sono tutti brutte! ahahahah

    gus ! :) si, lo so, non torni per la pizza, che romantico! torni per la tua moto!! scommetto che non vedi l'ora di riabbracciarla! per non essere volgari eh! va beh! :)) :*

    francy ahahahah, che ridere che mi fai! di primo mattino. di che colore sono oggi i tuoi pantaloni? rosa mortadella? :))) baci!

    ReplyDelete
  16. purtroppo no... grigi come queste 2 giornate romane...ma quando arriva la primavera??

    ReplyDelete
  17. questa focaccia mi ricorda casa e la mia mamma è uno dei piatti che la rappresentano e che puntualmente ogni estate me la prepara ...grazie

    ReplyDelete
  18. Fiore, e c'hai ragggione! :)))

    Fiore, ma questa volta senza Rob come e` andata? sei riuscita a dormire? e, per cambiare argomento, sai che domani inconttro la mitica Acilia? sono emozionatissima :)


    Francesca a Milano c'e` il sole (anche se nel posto dove lavoro si gela), ma mi mancano tanto i nuvoloni grigi di Roma, quelli che disegnano i bambini...qui non ci sono mai, quando il cielo e` grigio, e` grigio piatto. E poi mi manca il vento di Roma.

    ReplyDelete
  19. ciao tess benvenuta :)

    francy oggi qui c'é uno splendido sole che riflettendosi nel mare forma tanti di quei colori azzurrino-verdi! peccato che la temperatura sia ancora polare :) peró meglio sole che pioggia!

    ely , so, so, so giá tutto. :) trattamela bene! :)

    ReplyDelete
  20. E come potrei trattarla male la stelluzza? ;)

    ReplyDelete
  21. Mortadella? MA pensa come sono distratta... a prima vista mi sembrava una tovaglietta rosa... :-((((

    ReplyDelete
  22. Cerca che ti cerca come si fa la focaccia di patate, alla fine è uscita Fiordizucca e siccome Fiordizucca=garanzia mi metto subito all'opera!

    ReplyDelete
  23. Solo una domanda, ma hai messo tutto l'impasto in una sola teglia?
    Io l'ho diviso in due teglie e mi è venuta fuori praticamente una pizza, e non una focaccia alta e morbida...
    Devo avere sbagliato anche qualcos'altro, visto che questa è solo la terza volta che provo a impastare qualcosa... :-(

    ReplyDelete
  24. C'è un problema con l'acqua, la dose è errata, per quel quantitativo di farina e patate ce ne vuole più o meno la metà, non 600ml!

    ReplyDelete
    Replies
    1. infatti c'è scritto che sciolgo il lievito in 600ml, ma che poi ne uso quanto basta :)

      Delete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...