Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

6 October 2006



Le barbabietole (o rape rosse), al contrario delle lenticchie, mi sono sempre piaciute, specialmente condite con abbondante aceto, una delle mie manie. Infatti da piccola l'aceto lo mettevo ovunque, sulla carne e persino sulle uova e spesso lo bevevo direttamente dalla bottiglia, fino a fami diventare le labbra viola. Molto gotica.
In Inghilterra le rape si trovano quasi sempre giá preconfezionate e poi in alcuni periodi dell'anno, si trovano anche fresche. Quelle fresche ovviamente hanno un gusto particolare e sono mille volte piú saporite. Con queste qualche tempo fa ho persino sperimentato con una torta di barbabietole e cioccolato. Ottima, sofficissima e con quel colore rosso rapa inconfondibile ed infine anche con un dip di barbabietole e tahini.

Ingredienti
  • 500gr di barbabietole
  • 2 cucchiai di pinoli
  • prezzemolo
  • 1 spicchio d'aglio
  • sale
  • pepe
  • olio
  • aceto balsamico
Fate cuocere le rape in abbondante acqua non salata. Nel frattempo tostate i pinoli in una padella antiaderente. Scolate bene le rape e conditele con prezzemolo tritato, l'aglio tritato finemente, sale, pepe, olio, aceto balsamico ed infine i pinoli.

Sognando:
sognare di comprare rape indica ottime possibilità; sognare di tagliare rape indica aspirazioni ambiziose; sognare di cuocere rape indica malinconia passeggera; sognare di mangiare rape indica nuova attività.

Naturalmente: La rapa rossa (Beta vulgaris conditivi - della famiglia delle barbabietole da zucchero) è un ortaggio le cui proprietà benefiche sono conosciute sin dai tempi dei greci e dei romani. Ricchissima di vitamine (A, B9, C, D, E), minerali (calcio, fosforo, sodio, magnesio, ferro, potassio) e fibre, la rapa rossa è un valido aiuto per l'apparato digerente, è antinausea ed ha un buon effetto astringente in casi di dissenteria, depura il sangue abbassando il colesterolo cattivo e ne migliora la circolazione, è un aiuto a chi soffre di anemia (rigenera i globuli rossi) ed è un toccasana per il fegato (ne protegge le cellule con effetto antiossidante). Per beneficiare di queste numerose proprietà possiamo consumarne sia il succo fresco (centrifugando la rapa) o lessandola. Se la lessate non buttate via l'acqua di cottura la quale è d'aiuto, con il suo effetto equilibrante, per chi soffre di pelle grassa o ha delle infiammazioni cutanee.

Haiku: Gotiche labbra - d'aceto odorose - e rape rosse (Frank)



English please: Beetroot and toasted pine nuts



This is a simple but tasty side dish to serve with carne meat or simply eaten on it's own. Nowdays you can find rape rosse or barbabietole (literally red turnip and chard with beard) beetroot available already cooked in most supermarket. Though if you try to cook yourself the raw ones you'll definitely see that il gusto the taste it's very diverso different!

Ingredients
  • 500gr fresh beetroot
  • 2 Tbsp pine nuts
  • parsley
  • 1 clove garlic
  • salt
  • pepper
  • olive oil
  • balsamic vinegar
Cook the beetroot in unsalted boiling water. Toast the pine nuts for a few minutes in a small pan. Drain the beetroot and add chopped parsley and garlic, salt, pepper, olive oil, balsamic vinegar and finally the toasted pine nuts.

19 comments:

  1. ecco. da piccola ne mangiavo a quintali, tanto da convincere mio nonno a coltivarle nel suo orticello per me. ad un certo punto, però, devo aver superato il limite perché sono anni che non le posso vedere nemmeno in cartolina, ché mi viene la nausea immatinente.

    ReplyDelete
  2. (ho zompato una n. immaNtinente, of course.)

    ReplyDelete
  3. fior di francesca,

    a me le rape fanno un pò tristezza,

    questa però la provo, si si la provo proprio!!

    ReplyDelete
  4. diciamo che non è la mia verdura preferita, ma il colore mi "imbambola"!

    ReplyDelete
  5. Fiore, in realtà ho avuto sempre un'attrazione visiva per le rape rosse, ma...non le ho mai assaggiate!sarà ora di cominciare?!?

    ReplyDelete
  6. Anch'io bevevo l'aceto dalla bottiglia quando ero piccola. :)
    Molto bello il tuo blog...
    Manuela

    ReplyDelete
  7. O_O come fate [o facevate] a bere l'aceto dalla bottiglia!?! comunque, adoro i colori di questa ricettina e sarà anche saporita [non come le rape che mi davano alla mensa a birmingham -_-] fortunatamente sono diventate trovabili al supermercato, chissà se mammina me le comprerà!!! ^_^ ciauuu

    ReplyDelete
  8. Ciao Fior,
    potresti sostituire lavinium e link con il mio nuovo blog?
    Esalazioni etiliche
    http://esalazionietiliche.spazioblog.it/
    Grazie e a rileggerci

    ReplyDelete
  9. facile facile e buona buona. a me le rape picciono, sia bianche sia rosse...povere rape bistrattate

    ReplyDelete
  10. sil , menomale che sei arrivata, cominciavo a pensare che le rape piacessero solo a me! :)

    manuela , mi pare che siamo entrambe sopravvissute all'ondata d'aceto, benché io ogni tanto un goccino me lo faccio ancora! :)

    saffron , dovresti si, non esiste che non le hai mai assaggiate. almeno una volta! :)

    fior di daniela , mi dispiace che ti facciano tristezza, forse non sono mai state esaltate perché sono uno di quei ingredienti "poveri", ma fanno benissimo alla salute :)

    pimms , immantiche? :)) vedi tu sei la prova che quel che piace da piccoli non é detto che poi piaccia da grandi mentre é vero il contrario :) baci

    lol ape ^_^

    manuelito , come facevamo? bastava appoggiare le labbra sulla bottiglia e bere! :) beh, finalmente una ricetta della quale non ti puoi proprio lamentare: niente zuccheri, niente grassi, proprio come piace a te! baci!

    ciao rov , al prossimo giro. :)

    ReplyDelete
  11. :-)
    con le lenticchie rosse, visto che se ne parlava giorni fa, la mia "mamma irlandese" cioè la signora che mi ospitava in vacanza studio a dublino ormai 10 anni fa, faceva un cruble fan-ta-sti-co! interessa? l'ho costretta a darmi la ricetta :-)

    ReplyDelete
  12. oddio se pensi che quando ero piccola IO aprivo il frigo e mangiavo teste d'aglio finché non arrivava qualcuno a fermarmi, beh, che dire...e meno male!

    ReplyDelete
  13. eh, io non più...ma riproverò prima o poi.è che ora ho un periodo di rigetto nei confronti dell'aceto...ma in compenso ho iniziato ad apprezzare le raperonzole! ;)
    Manuela
    (ah cmq, ti ho linkata da un po' di tempo sul mio blog, spero non ti dispiaccia!)

    ReplyDelete
  14. Credo che le rape subiranno un incremento nelle vendite.
    Io non le ho mai mangiate, bianche o rosse, ma dopo la bella ricetta e le notizie di Terry, un tentativo lo farò di certo.

    ReplyDelete
  15. Adoro le barbabietole! Mio fratello, da ragazzino, aspettava ansioso che noi altri finissimo l'insalata, per bersi l'aceto che rimaneva in fondo al recipiente - e le labbra gli diventavano biancastre.

    ReplyDelete
  16. Molto interessante con i pinoli! Qui in Polonia i "buraki" sono il piatto nazionale, lo provo subito. Grazie.

    ReplyDelete
  17. Mi sembra une riccetta interessante e che cambia dei nostri modi per mangiarla in Francia. Scusa il mio italiano...

    ReplyDelete
  18. very nice salad, fior di zucca! ps I am waiting till I get hold of alchermes to try your zuppa inglese.

    ReplyDelete
  19. Ottimo aspetto, soprattutto il colore :-)

    ReplyDelete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...