Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog Archive

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

9 October 2006



Io e la commara ieri abbiamo avuto la geniale idea di preparare questo piatto. No, in realtá l'idea l'hanno avuta i compari. Infatti erano stati proprio loro a dire: "Andiamo noi a raccogliere le vongole, si si si, dai dai dai, andiamo noi! Facciamo come l'anno scorso!". Ma vuoi una cosa, vuoi un'altra, vuoi l'alta marea, non é stato possibile e cosí abbiamo optato per le vongole giá pronte a bagno maria, perché di quelle vive, al supermercato, nemmeno l'ombra. Intonato con l'atmosfera autunnale é sicuramente un piatto da preparare quando é meglio starsene in casa a raccontarsi chiacchiere e produrre quantitá industriali di gnocchetti sardi, piuttosto che passeggiare sotto il cielo pesante e grigio.



La commara si é svegliata di buon ora per venire a cucinare ed ha persino scovato il suo metodo per fare la pasta senza tagliarsi le unghie. Geniale! Peccato che mi sono scordata di fotografarti, ma di sicuro questi gnocchetti li rifaremo presto, quindi prepara la manicure! Il compare, come da copione domenicale, é arrivato "all'ora del piatto" e a giudicare da quanto abbiamo mangiato e da quello che abbiamo mangiato, mi pare abbia gradito notevolmente. Il nostro modesto modo di trattarci bene in una domenica di ottobre.

Ingredienti per i gnocchetti: 500gr farina di grano duro '0', acqua
Ingredienti per il sugo di ceci e vongole: 200gr di ceci secchi, 150gr di vongole sgusciate, 1 barattolo di pomodori pelati, 1 cipolla piccola, 1 spicchio d'aglio, 2 acciughe sott'olio, 1 pizzico di peperoncino, 2 foglie d'alloro, sale, pepe, olio, prezzemolo per guarnire

Impastate farina ed acqua fino ad ottenere una pasta morbida e compatta. Formate dei rotoli di pasta e con il coltello tagliatene un pezzettino per volta in modo da poter formare gli gnocchetti. Fateli asciugare su un canovaccio pulito per almeno un'ora in modo che perdano un po' di umiditá.
Per il sugo procedete cuocendo i ceci precedentemente messi a bagno per una notte, con acqua, 1 spicchio d'aglio e un paio di foglie di alloro.
A parte soffriggete cipolla, aglio e acciuga, aggiungete i pomodori pelati, il peperoncino, il sale e un po' di pepe. Cuocete a fuoco basso per circa 30 minuti senza far asciugare il sugo. Alla fine aggiungete le vongole e spegnete. In questo modo le vongole rimarranno morbide.
Cuocete gli gnocchetti in acqua bollente e salata per circa 3/4 minuti da quando l'acqua ricomincia a bollire. Scolateli bene e conditeli con il sugo ed i ceci. Irrorate con olio per non fare attaccare la pasta, pepate ancora e servite subito con un po' di prezzemolo se vi piace.

Sognando: sognare di pescare vongole indica aiuto concreto e imprevisto; sognare di comprare vongole indica progetti realizzabili; sognare di mangiare vongole indica miglioramento di posizione; sognare una zuppa di vongole indica malintesi da chiarire; sognare pasta con le vongole indica umore incostante.

Haiku: Volersi bene - tra chiacchiere e cibo - in compagnia (Frank)



English please: Gnocchetti sardi with cockles and chickpeas

Gnocchetti sardi it's a tipical pasta shape that comes dalla regione della Sardegna from the Sardinia region. The pasta is made with farina di grano duro durum weath flour and although the shape it's the same of the gnocchi, in this dough we don't use potatoes but only farina flour. Some people use the back of a fork to make these small gnocchi but with it's own wooden tool the job is done in no time. You might find this kind of pasta shape in some supermarket, or you can make the same dish by breaking up pieces of ready made lasagne layers, as shown in this picture from last year recipe.

Ingredients for gnocchetti: 500gr durum weath flour, water
Ingredients for the sauce: 200gr chickpea, 150gr cockles, 1 can chopped tomatoes, 1 small onion, 1 garlic clove, 2 anchovies in oil, 1 pinch dried chilly, salt, pepper, 2 bay leaves, olive oil, parsley to garnish

Prepare the dough for the pasta and by using the appropriate tool, make little gnocchi. See this small animation as a reference. Let them dry on a clean towel for about 1 hour so that they lose umidity.
Prepare the sauce by cooking the chickpea which you have left in water for the night before. Cook them in unsalted water with 1 clove garlic and a couple of aby leaves.
In another saucepan, gently fry the chopped onion, garlic and che anchovies. Add canned tomatoes, salt and pepper. Simmer for about 30 minutes with a cover lid so that the sauce doesn't dry out. In the end add the cockles and leave it to rest. This way the cockels won't become hard to eat but will remain soft.
Cook gnocchetti sardi in salty boiling water for about 3/4 minutes starting counting from when the water boils again. Drain them well and mix with the sauce and chickpea together. Drizzle with olive oil so that the pasta doesn't stick together, add more pepper and garnish with parsley if you like. Serve immediately.

20 comments:

  1. che meraviglia...mare e terra gustosamente insieme!
    sono di un paese in provincia di lecce che si chiama calimera cioè "buongiorno" in greco.
    ora vivo in umbria...altra terra bellissima!
    il mio nome invece vuol dire pace in sanscrito.
    quindi calimera, fiordizucca e tanta shanti a tutti!!
    Shanti

    ReplyDelete
  2. che belli, mi piacerebbe provare... come hai fatto a rigarli? col "fattapposta"?

    ReplyDelete
  3. Ooohhhh e' tutta mattina che aggiorno la pagina aspettando di vedere quel che si e' mangiato ieri. E' stato proprio un pranzo di extra lusso!! 30 e lode.

    ReplyDelete
  4. Una piccola comunita' italiana in quel di Torquay, chissa' come si sente Gus Gus in mezzo a tre pugliesi :)
    Vi trattate bene e fate bene ;)

    ReplyDelete
  5. Ciao, proprio belli questi gnocchetti! Un capolavoro!

    ReplyDelete
  6. Commara Zora9/10/06 1:05 pm

    che belli! che buoni! che belli! che buoni!
    è stato un bellissimo lavoro di squadra! fino a ieri credevo di essere negata per i cavatelli, ma adesso ho capito: non avevo il fattoapposta e poi non mi ero cimentata nella tecnica dello gnocchetto laterale:D
    adesso lo voglio a tutti i costi:D
    il pranzo è stato sublime come sempre
    baci commara

    ReplyDelete
  7. un connubio di sole,italia e colori...

    splendide le domenica in compagnia tra i fornelli!

    ReplyDelete
  8. Che buoniiiiiiiiiiiii!!!! Anche io voglio provare i gnocchetti della commara!!
    ;-)

    ReplyDelete
  9. Allora devo ringraziare la commara...grazie a lei son sparite le rape!!!!!!! Ti bacio

    ReplyDelete
  10. canny , per fortuna il tempo delle rape é appena cominciato! :) baci anche a te

    gourmet , stavamo pensando giusto di aprire un piccolo shop di pasta fresca qui a torquay, magari poi ci allargheremo anche internazionalmente :D

    ape , assolutamente splendida si. la compagnia poi, eccellente!

    ciao commara , ti diró che gli gnocchetti di oggi erano quasi meglio di quelli di ieri. sono curiosa di sapere come cucinerai quelli che sono rimasti! mi é venuta voglia di gnocchetti con la salsiccia piccante. e mo' come me la tolgo?! :) baci!

    ciao saffron :) belli e buoni!

    ciao elisa , gus gus in mezzo ai pugliesi ci sguazza, siamo troppo simpatici! (e modesti!) :D

    ciao compare , grazie ne :*

    ciao bianca , li abbiamo fatti con il fattapposta si. trovi una piccola foto nel post della ricetta degli gnocchi al matcha (i preferiti di cannella) :D

    ciao shanti , so bene cosa significa il tuo nome, infatti mi stupiva che tu fossi pugliese, pensavo avessi origini indiane o comunque asiatiche. conosco calimera per sentito dire, ma non ci sono mai stata, cosí come non sono mai stata in gran parte dell'Italia :(
    om shanti shanti anche a te! :)

    ReplyDelete
  11. Veciaaa!!! Ma che bellezza, la ricetta e il racconto di questi momenti in compagnia, perfetti in queste giornate autunnali, cibo e chiacchere tra amici e...good wine of course!;-)

    P.s:nella ricetta inglese hai scritto "cook" con una C in più....io l'interpreto con un lapsus freudiano ;-p...hihihi...con una O in meno!;-p

    Ciao stella

    Terry

    ReplyDelete
  12. Quella di ieri è stata una cena terrificante nel senso inglese del termine!!!!Un pranzo domenicale come si comanda, per ricominciare al meglio la nuova settimana lavorativa.
    BRAVE ALLE DUE COMMARE

    PS: Che fauci di lusso abbiamo;)

    ReplyDelete
  13. Vongole e ceci? Mi giunge nuova e... la segno.
    Che bello questo gioco di squadra, non so se me lo sono inventato io ma "le vibrazioni positive giungono sino qui"
    Remy

    ReplyDelete
  14. Fiore, ci vuol poco ad essere piu' simpatici dei milanesi *gh*...ovviamente gus gus e` un'eccezione, ma lo deve alla tua influenza ;)

    P.S. ma lo sai che gab somiglia abbastanza al mio ex pugliese? almeno nella foto del profilo.

    ReplyDelete
  15. pescare volgole e troppo divertente mi ricordo quando lo facevo con i miei cugini, quando andavamo in vacanza in grecia, peccato che non l'avete fatto.
    ciao andrea

    ReplyDelete
  16. Fior, sarò un fissato, ma io continuo ad adorare le tue fotografie. Sei davvero bravissima! Ma di quali prodotti grafici disponi?
    Per quanto riguarda il piatto, direi che gli ingredienti sono originali e molto ben azzeccati, proverò senz'altro questa ricetta.
    Ciao e ancora comlimenti!
    Rob

    ReplyDelete
  17. Transitare su questo blog mi fa venire l'acquolina in bocca, ma ahimè sono macrobiotica.
    Buon appetito a tutti.

    ReplyDelete
  18. mamma mia...che bava mi viene...
    una curiosità: come si chiama il "fattapposta"? con la forchetta nn vengono bene?
    un bacio!

    ReplyDelete
  19. alice , il fattapposta credo si chiami rigagnocchi, ma non ci giurerei. puoi vedere una foto qui :)

    ciao lucia , grazie per essere passata lo stesso, magari qualcosa di macro ogni tanto la puoi trovare da queste parti :)

    rovino , un po' fissato lo sei! :D ma ancora non si é capito che uso una Nikon D50? ^_^

    ciao andrea , l'anno scorso lo abbiamo fatto un sacco di volte, tant'é che ci avevamo preso davvero gusto. quest'anno non ci siamo ancora andati ma é solo questione di tempo! :)

    ciao elisa :) permettimi di dissentire anche se lo so che stai scherzando :D per quanto riguarda Gab, sono sicura che sará entusiasta di questa notizia, del resto qui a Torquay abbiamo voluto solo la migliore rappresentanza pugliese! :))))

    gab , le tue fauci non hanno limiti, come le nostre del resto! :)

    grazie terry , che occhio! :) baci

    ReplyDelete
  20. Ciao Fior di zucca, posso passarti un segreto? Quando fai la pasta in casa usa la farina di riso per spolverare cosi' che non ti s'incolla tutta. La farina di riso e' priva di glutine cosi' non appiccica.Continua a pubblicare perche'son sicura sei una grande ispirazione per tanti.Sonia

    ReplyDelete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...