Labels

Labels

Categories

Categories

Pages

Advert

Advert22

Blog archive

Blog Archive

Featured Posts

Advert


Stats

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

Insalate

29 April 2006



Mai come in questo caso la foto non rende né l'odore, né l'idea, né ovviamente il sapore, ma questi lampascioni sono una vera prelibatezza! Un'altra delle ricette tradizionali pugliesi, per assaporare il vero gusto dei lampascioni senza che si mescoli troppo ad altri sapori. Vengono chiamati in purgatorio perché vanno cotti a pentola coperta ed a lungo.



In passato ho proposto una ricetta ancora più semplice, i Lampascioni alla Minervinese, che ne prevede semplicemente la cottura in acqua bollente ed il condimento con un filo d'olio e un po' d'aceto. In un modo o nell'altro, vanno mangiati con moderazione. Diciamo che una decina di lampascioni per persona sono sufficienti ad evitare imbarazzanti disturbi intestinali. Chi vuole capire capisca... Buon ponte e buon Primo Maggio a tutti!

Ingredienti
  • lampascioni
  • salsiccia secca o lardo o pancetta
  • tocchetti di formaggio Parmigiano Reggiano
  • pepe o peperoncino
  • aglio
  • olio
  • sale
I lampascioni vanno puliti come fossero una cipolla. Spellati dei loro strati esterni terrosi, fino a quando si raggiunge lo strato pulito. Con un coltello si pratica una croce al fondo di ogni lampascione, per facilitarne la cottura all'interno. Si mettono in acqua fredda per tutta la notte. In questo modo spurgano tutta l'eventuale terra in eccesso e perdono anche un minimo di amaro. Il giorno dopo si lavano bene e sono pronti per essere usati. Per questa ricetta si fa soffriggere uno spicchio d'aglio in abbondante olio. Meglio se si usa un contenitore di terra cotta. Soffriggete l'aglio e se desiderate anche un peperoncino secco o fresco. Aggiungete la pancetta tagliata a dadini o in alternativa della salsiccia secca o del lardo. Aggiungete i lampascioni, qualche tocchetto di Parmigiano Reggiano incluso la crosta, salate, pepate e coprite la pentola. L'acqua che fuoriesce dai lampascioni e l'olio aggiunto, dovrebbero essere abbastanza da non necessitare altro liquido per la cottura. Quindi quando lavate i lampascioni, meglio se non li fate scolare a lungo. Vanno cotti a fuoco basso e a pentola coperta per circa 1 ora o 1 ora e mezza. Infilate la forchetta in un lampascione per verificarne la cottura all'interno. Devono essere morbidi ma non sfatti. Si servono caldi, accompagnati con il pane ed un buon bicchiere di vino.

Vino : Salice Salentino o altro rosso pugliese analogo.


Sognando: sognare salsiccia fresca indica invidia professionale; sognare salsiccia cotta indica cammino difficile; sognare salsiccia secca indica avventura piacevole; sognare salsiccia di maiale indica diritti da far valere; sognare di preparare salsiccia indica disaccordo con vicini; sognare di cuocere salsiccia indica buone notizie; sognare di comprare salsiccia indica brusco cambiamento; sognare di mangiare salsiccia indica fortuna al gioco.

17 comments:

  1. Ciao Fiore,
    i lampascioni li trovo un po' amarognoli, ma molto gustosi... li preferisco cotti sotto la brace, conditi con sale, olio, pepe e aceto, accompagnati da carne di agnello cotto anch'esso sulla brace... una delizia!
    Credo proprio che li proverò anche con questa interessante ricetta!

    ReplyDelete
  2. Fiore conosco delle ricette di lampascioni ,ma questa no.La provero' di sicuro.Ti faccio un saluto con la manina e un baciotto .Ciao e bw

    ReplyDelete
  3. Macché purgatorio, questi lampascioni sono un paradiso!(o un inferno per chi ne deve sopportare gli effetti collaterali;)).
    Grazie anche per avermi fatto sapere cosa significa sognare salsicce!

    ReplyDelete
  4. Oh Fiore, un altro bel post coi colori e sapori della tua terra!
    Questa poi sarebbela ricette per riprovare a mangiare i lampascioni, quella salsiccia secca della foto è una libidine!
    L'unico lampascione lo provato da piccola...ma dovrei riprovare....all'epoca ero così delicata....altro che adesso che mangio pure i tavoli!;-)

    Un bacione e buon weekend anche a te e Rob!

    Terry

    ReplyDelete
  5. cmq..."l'unico lampascione l'HO provato..."

    mi scuso...ma risento ancora dell'alzataccia...perdono...mi metto in ginocchio sui ceci....sorry!

    ;-)

    ReplyDelete
  6. Sbaglio o c'è un po' di nostalgia nell'aria?
    Noi, viglliacchi, ne approfittiamo per scaldarci al sole dei piatti della tua terra anche se, mannaggia mannaggia, non sono mai riuscito ad assagiare questi "esplosivi" tuberi.
    Remy

    ReplyDelete
  7. Attenti perchè crudi sono tossici o addirittura velenosi... i disturbi di cui parlate potrebbero derivare da una cottura incompleta.
    In compenso sono il bulbo di una bellissima liliacea, il Muscari comosum:

    http://www.parks.it/indice/galleria/foto-flora-fauna/Vesuvio-Muscari.jpeg

    ReplyDelete
  8. This comment has been removed by a blog administrator.

    ReplyDelete
  9. 1 maggio:festa dei lavoratori,ma mi sembra di capire che tu sia in festa da un pò prima.

    ps: ma si festeggia sù una cosa simile?

    ReplyDelete
  10. ciao ape , qui non esiste la festa dei lavoratori, ma una festa chiamata May Day , il giorno di maggio. guarda caso quest'anno casca il primo di maggio ma non sempre. qui le feste le si fa cascare tutte il lunedí, cosí non c'é rischio di fare nessun tipo di ponte. :)

    per quanto riguarda i lampascioni é chiaro come sempre che i gusti sono gusti. a chi piacciono a chi non piacciono, controindicazioni intestinali a parte, io li ho sempre adorati e mangiati da piccola. mi ricordano la terra e la mia, terra. :) baci a tutti e buona festa ormai quasi finita, soprattutto a tutti quelli che oggi hanno lavorato come la nostra vecia Terry :)

    ReplyDelete
  11. adoro la cucina pugliese, veramente!, ma per apprezzare i lampascioni forse bisogna avere dna della terra di puglia, e tanta fame! saluti cat

    ReplyDelete
  12. Quindi, visti gli effetti secondari (che a onor del vero non mi si sono mai presentati in forma "autorevole" nonostante io ci abbia "dato" più volte con i lampascioni) mi consiglieresti di prepararli solo in vista di una cena con gli amichetti? Tipo cenetta con rutto libero?

    Saluti
    Omar

    ReplyDelete
  13. ciao Omar , io te li consiglio a prescindere, anche per una cena intima. cosa c'é di piú romantico che condividere i lampascioni? :))

    ciao cat , se non li hai mai mangiati ti consiglio di provare e di provare anche in diversi modi perché per ognuno di essi il lampascione prende gusto diverso. come sempre peró de gustibus... :)

    ReplyDelete
  14. Questa foto mi fa tornare bambina!!!
    Buono il connubbio, francesca.. :-)
    Come era Minervino??
    Saranno almeno 20 anni che nn ci vado.. E ho avuto un pò di nostalgia guardando le tue foto..

    P.s. Il vecchio zenzero è tornato all'ovile.. se vuoi puoi cambiare il link!
    Buona giornata
    Sandra

    ReplyDelete
  15. E grazie!!!
    :-)
    Sempre fantastiche le tue composizioni!!!

    ReplyDelete
  16. Da buona pugliese e con mamma pugliese doc, ho impararto ad amare i lampascioni fin da bambina. Sono, infatti, uno dei cibi preferiti da mia madre. Sono buonissimi anche con il 'tiane', il tegame, in pratica carne, patate e, appunto, lampascioni al forno...
    Che nostalgia....

    ReplyDelete
  17. ciao sandra :)) minervino sempre li stess, nemmeno i cartelli stradali cambiano mai :)) certe cose é meglio che non cambino affatto. provvederó appena possibile. grazie a te e bentornata :)

    ciao anonima , benvenuta nel club degli amanti dei lampascioni allora! :) hai anticipato un'altra versione che vorrei proporre, proprio quella della carne e dei lampascioni, altro connubio perfetto!! Baci

    ReplyDelete

Grazie - Thank you!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...